Lev Trotsky

Anniversario della morte di Trotsky: il 21 agosto 1940, uno dei principali fautori della Rivoluzione russa del ’17, nonché primo organizzatore dell’Armata Rossa, moriva assassinato da un agente di Stalin nel suo esilio a Coyoacan, in Messico. Lo ricordo con un suo breve discorso, risalente agli anni tra il 1937 e il 1940, sulla natura criminale e dispotica del processo di Mosca istituito contro di lui e gran parte della vecchia guardia bolscevica dall’élite stalinista, sulla base di prove false.

Per chi fosse interessato: Leon Trotsky nel Marxist Internet Archive (sezione italiana)


Macrocosmo e microcosmo

Le umane vicende non sono più a misura di individuo. Oggi siamo costretti a preoccuparci di ciò che accade ovunque in qualunque momento, dall’altra parte del mondo come sotto casa. Ed è veramente troppo, è soverchiante, aumenta lo stress e tutte le emozioni negative possibili. Per questo, e per le conseguenze di questo, ogni tanto è bene fermarsi, guardarsi attorno, ascoltare e riflettere. Ritrovare il nostro posto nel cosmo. La prospettiva è limitata, ma dobbiamo provare ad ampliarla. L’autore di questo video ha un bel modo di farlo.


Considerazioni attuali

Avrei voluto riservare questo titolo per qualcosa di un po’ più corposo e organizzato, ma sinceramente non ne trovo uno migliore. Si rifà, in tutta evidenza, alle Considerazioni inattuali di Nietzsche, quattro saggi su varie questioni culturali del suo tempo; come riporta Diego Fusaro sul suo sito: “esse sono inattuali poichè enunciano tesi contrastanti con i valori dominanti e operano per costruire un nuovo futuro, anzichè per avere successo nell’immediato e conquistare l’attualità“. Nel mio caso, al contrario, volevo scrivere qualcosa di assolutamente inserito nel contesto odierno e concentrato sul particolare, sul momentaneo, come impressioni a caldo su eventi e notizie. Non per il successo, ma per una sorta di cronaca personale, prima di lasciar perdere. In seguito, forse, approfondirò alcuni punti. Allora, comincio oggi con una sorta di “rubrica” che si affianca agli aforismi a buon mercato e alle citazioni a iosa.

1 – Sulla Turchia. I militari hanno avuto storicamente il ruolo di guardiani della Costituzione laica e democratica voluta da Ataturk. Nel corso del secolo sono intervenuti varie volte, quando percepivano che i movimenti religiosi stavano prendendo piede, ponendo in pericolo la modernità turca, la sua eccezionalità laica nel mondo islamico. Questa volta non è stato diverso, per i militari; ma lo è stato per la popolazione, che è molto più a favore di Erdogan che dei “discepoli” di Ataturk. La dittatura che sta prendendo piede sarà sempre più una teocrazia. E Ataturk resterà una foto appesa a un chiodo.

2 – Sulla Francia. Questa volta non me la sento di criticare troppo il governo francese, per la mancanza di contromisure. Il terrorismo ha assunto una forma nuova: l’immolazione dei pazzi. L’ISIS non organizza ogni singolo attentato, ogni singola strage. Si “adagia sugli allori” di azioni mostruose compiute da gente disturbata, che nella violenza del terrorismo islamico propagandato dall’organizzazione reale trovano ispirazione, motivazione, giustificazione per sfogare la propria frustrata e fallimentare esistenza. Questo rende il terrorismo internazionale perfettamente adeguato al mondo globalizzato: un terrorismo senza confini, senza contorni definiti, senza solidità organica, un terrorismo liquido e reticolare che può colpire ovunque, più dei vecchi terroristi degli anni Settanta. Perché non c’è più bisogno di covi e armerie, di direzioni centrali, di schemi a cerchi concentrici eccetera. Basta un pazzo violento con armi non convenzionali, come un camion, per gettare una nazione intera nel lutto e nel panico. L’ISIS dà il suo avallo postumo e si ha il terrorismo. In questo caso, islamico.

3 – Sul nome del terrore. Il problema di usare l’aggettivo “islamico” subito dopo “terrorismo”, seppur corretto, è che c’è una marea di xenofobi e reazionari pronta a cogliere ogni occasione per alimentare l’odio, la chiusura e la divisione. D’altra parte, è pur vero che i terroristi odierni sono i primi a definirsi “islamici” e che talvolta, nonostante tutto, la prudenza può essere eccessiva e le cose vanno pur chiamate con il loro nome. Io non ho problemi a farlo. Basta essere coscienti del fatto che “terrorismo islamico” o “di matrice islamica”, o “islamista” e via dicendo, non è e non può essere sinonimo di Islam in generale. Non lo dico per difendere una religione, bensì per riaffermare il laicismo razionale di fronte a tutte le religioni: è naturale che la religione c’entri con il terrorismo, per tutta una serie di motivi, primo fra tutti il potere di persuasione incomparabile della (presunta) parola divina; ma non è possibile né giusto generalizzare la violenza dei mussulmani aderenti al terrorismo come tratto distintivo di TUTTI i mussulmani esistenti.

4 – Su Carlo Giuliani. Ricordo il grande tumulto del G8 di Genova come qualcosa di pazzesco. Fu uno scontro non solo di piazza, ma politico e sociale che coinvolse l’intera nazione. La morte di Giuliani ne fu uno dei momenti peggiori, come l’irruzione nella scuola Diaz. Dopo quindici anni, le ferite sono ancora aperte e come ha detto ZeroCalcare dopo l’oscuramento della sua pagina FB, “la questione di Genova in realtà non è finita, che ci sono ancora pezzi di apparati che continuano a fare una guerra accanita e che sulla narrazione di quelle giornate ci sta ancora uno scontro in corso che non è pacificato per niente”. Personalmente, non ritengo Carlo Giuliani un “martire”, ma certo neppure un delinquente. E’ un ragazzo che è morto durante una durissima protesta di piazza, in parte per la sua scelta di combattere contro le forze dell’ordine, in parte per la violenza e l’incompetenza di quelle stesse forze. In quella situazione è persino andata bene, paradossalmente, che non ce ne siano rimasti di più a terra, come invece succedeva negli anni Settanta. Il fatto che ancora oggi la storia della sua morte accenda il furore delle masse, vuol dire che su di essa si sono concentrate tensioni più grandi, che riguardano tutta la società italiana in un contesto e in un lasso di tempo molto più ampi, e che non possono essere liquidate con leggerezza. Per una visione un po’ più “neutrale”, forse può andar bene la pagina di Wikipedia su di lui, per quanto è possibile.

5 – Sulla Brexit. Nessuno ci credeva, nemmeno io che ho sempre sospettato degli inglesi per aver tenuto, sin dall’inizio dell’UE, un piede fuori dalla porta. Nessuno se lo aspettava, tanto è vero che i più interessati all’Europa, i giovani, hanno disertato le urne, lasciando campo ai vecchi isolazionisti. Per disinteresse, come dice Letta, o per sciatta presunzione classista, come dice ‘sto tizio qui, in ogni caso il risultato ha implicazioni ancora difficili da quantificare. Il Regno Unito potrebbe, stavolta sul serio, dividersi: nel 2014 gli scozzesi votarono contro l’indipendenza proprio per non perdere i vantaggi dell’unione, anche rispetto all’Europa. I movimenti anti-euro e xenofobi potrebbero guadagnare forza, aprendo a scenari foschi (come pensa Lerner), o anche perderla, a seconda di cosa succeda all’Inghilterra. Tutto risulta persino più imprevedibile dell’ipotizzata Grexit, che comunque pare ormai scongiurata. Ma direi che resta interessante l’articolo di Ezio Mauro “Il rancore degli esclusi e la politica che abdica“.

 


Altrimenti?

Altrimenti ci arrabbiamo.

Addio Bud. Grazie di tutte le scazzottate.

La movimentata vita di Carlo Pedersoli, alias Bud Spencer (Wikipedia)


The Greatest of All Time


Note sulla riforma costituzionale

Ritengo importante iniziare adesso un percorso di studio delle proposte di riforma costituzionale, per come si sono sviluppate nel corso degli anni, in modo da arrivare al referendum di ottobre con la migliore preparazione possibile. Voglio partire dal contesto storico, dai dibattiti che hanno caratterizzato le varie Commissioni bicamerali, e comprendere quanto serve a votare con coscienza, cioè il senso delle riforme, dei cambiamenti, delle ragioni dietro al testo costituzionale e cosa comporta mutarlo. Per fare questo, mi avvarrò di un libro uscito all’epoca della Commissione D’Alema (1997), che spiega il quadro generale; del mio vecchio manuale di diritto pubblico, scritto da G.U. Rescigno, e dei testi di diritto costituzionale, tutti risalenti all’università; di tutti gli articoli che stanno uscendo in questo periodo su quotidiani e riviste; della consulenza di avvocati e giuristi amici miei; e ovviamente della Costituzione stessa.

Intanto consiglio di tenere a mente cosa prevede la riforma costituzionale Boschi, che è stata approvata e per la quale il referendum sarà confermativo.

Per cominciare questa serie di ricerche, partirò dalle basi, perciò perdonate il tono “manualistico” di questo articolo (e probabilmente anche dei prossimi).

Nel corso della storia repubblicana, l’esigenza di dare attuazione alla Costituzione e adeguarla ai mutamenti sociali ed economici è passata per varie fasi, sin dagli anni Settanta. La riforma costituzionale, e quindi la riforma di tutte le istituzioni, è stata tentata in varie occasioni, con la formazione di tre Commissioni bicamerali nel corso degli anni, il cui compito era di stendere un progetto e sottoporlo al Parlamento. In nessuna di queste occasioni si è raggiunto un tipo di riforma soddisfacente o completo.

Le Commissioni bicamerali sono state:

  • Commissione Bozzi, del 1983;
  • Commissione DeMita-Iotti, del 1993;
  • Commissione D’Alema, del 1997.

Funzionamento della Bicamerale – Formata da rappresentanti di entrambe le Camere, la Commissione nomina un comitato interno cui spetta la stesura di un progetto di riforma. Se il progetto è approvato, deputati e senatori propongono emendamenti da sottoporre all’esame della Commissione. Raggiunto l’accordo sul testo, il progetto definito viene proposto dalla Commissione al Parlamento. Se il progetto è approvato da entrambe le Camere, si passa al processo legislativo vero e proprio, di cui fa parte obbligatoriamente il referendum.

Punti salienti delle riforme istituzionali, sempre al centro dei lavori bicamerali:

  • Revisione della forma di Stato. La tendenza è sempre stata improntata al federalismo, cioè alla ripartizione delle competenze tra Stato e Regioni, con la motivazione di accrescere l’efficienza dell’apparato statale e renderlo più vicino ai cittadini, alle realtà locali (principio di sussidiarietà). Le questioni principali sono la riforma del Senato (punto “dolente” su cui oggi si concentrano gran parte delle polemiche per la riforma Boschi), che verte sulla sua trasformazione da Camera elettiva su base regionale a Camera delle Regioni vera e propria, per aumentarne la rappresentatività; l’attribuzione delle competenze residue agli Enti locali, mediante la specificazione nel testo costituzionale delle competenze principali spettanti allo Stato (“inversione” dell’art. 117, già attuata); il federalismo fiscale, ossia l’autonomia delle Regioni in materia di tassazione; ridefinizione territoriale delle Regioni in base a criteri di funzionalità economico-finanziaria.
  • Revisione della forma di governo. Il rafforzamento dell’esecutivo è motivato dall’esigenza di una maggiore capacità e prontezza d’intervento, da cui deriverebbe inoltre una maggiore stabilità contro le continue crisi istituzionali. Vari i modelli cui i progetti di riforma si sono ispirati: il semi-presidenzialismo alla francese, in cui il Presidente, capo dello Stato, gode di ampi poteri (come la nomina e la revoca del Primo Ministro). Nel sistema francese, se il Presidente ha la maggioranza dell’Assemblea Nazionale, esercita nella pratica anche il potere esecutivo; se non ce l’ha, nomina il Primo Ministro, capo del governo, proposto dalla maggioranza avversa, il quale esercita qindi il potere esecutivo al posto del Presidente. Il cancellierato tedesco, in cui il Cancelliere (ossia il Presidente del Consiglio) ha un ruolo di preminenza per assicurare la stabilità dell’esecutivo. Viene indicato indirettamente dal popolo essendo il capo della coalizione vincente, stabilisce la politica di governo, nomina e revoca i ministri, può chiedere al Presidente federale lo scioglimento del Bundestag se non ottiene la fiducia, ma lui stesso non può venir sfiduciato se non viene prima designato il nuovo cancelliere; il rapporto tra cancelliere e Assemblea è preminente rispetto a quello tra Gabinetto e Assemblea. Infine, almeno dai testi che sto consultando ora, si è discusso di una forma particolare di elezione diretta del premier, in cui il Presidente del Consiglio verrebbe eletto con lo stesso metodo dei sindaci e dei Consigli comunali, con elezione del candidato più votato o secondo turno di ballottaggio; finora, un sistema simile è rinvenibile in Israele.
  • Revisione del modo di formazione del Parlamento. Cioè, la riforma del sistema elettorale. Su questo punto se ne sono viste tante, di cotte e di crude. In generale, è abbastanza evidente che il sistema di formazione degli organi istituzionali influenza le funzioni e le prerogative degli organi stessi. Il modello italiano “classico” è stato, dal 1946 al 1993, il proporzionale. I tentativi di riforma hanno sempre spinto verso un sistema maggioritario con quota proporzionale; negli anni il dibattito principale si è dato tra chi voleva rafforzare la quota e chi voleva abolirla o ridimensionarla, oscillando tra un maggioritario a turno unico e uno a doppio turno. Le tre leggi elettorali che abbiamo avuto negli ultimi vent’anni, lungi dal prendere una strada così netta, sono state la Legge Mattarella (soprannominata “Minotauro” e “Mattarellum”) del 1993, che ha introdotto il maggioritario con varie specificazioni; la Legge Calderoli (soprannominata “Porcellum”), dichiarata incostituzionale,  del 2005; la Legge elettorale italiana del 2015 (soprannominata “Italicum”), in vigore dal prossimo 1° luglio 2016 per la sola Camera dei Deputati.
  • Revisione del sistema delle garanzie. La giustizia ordinaria, amministrativa e costituzionale è caratterizzata da procedimenti e discipline volti a garantire i diritti dei soggetti e i loro legittimi interessi. Si è discusso della riforma del Consiglio Superiore della Magistratura, per migliorarne il ruolo di garante dell’indipendenza della Magistratura. Della separazione delle carriere tra giudice e Pubblico Ministero, per garantire una maggiore imparzialità nell’esercizio del potere e una specializzazione nel ruolo. Di azioni disciplinari contro i magistrati che abusano dei loro poteri. Dell’allargamento dell’accesso alla Corte costituzionale ai soggetti “deboli” come minoranze parlamentari e altri.

Per concludere questo primo articolo, lascio il parere negativo di Zagrebelsky sulla riforma Boschi.

 

 


9 Maggio sul fronte orientale

Michail Chmel'ko - Il trionfo del popolo vittorioso (1949)

Ogni essere umano che ami la libertà deve più ringraziamenti all’Armata Rossa di quanti ne possa pronunciare in tutta la sua vita.

Ernest Hemingway

-> Il Giorno della Vittoria


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 75 follower