Archivi del mese: febbraio 2013

Quella dolce X

Alla fine ho votato sempre per SEL. Proprio non potevo “turarmi il naso”. Già devo ingoiare il rospo di un’elezione prematura, senza che si sia approfittato del periodo tecnico per rinnovare almeno un po’ lo scenario politico; dare il voto al PD al Senato era troppo. Il video qui sopra mi ha forse dato più una “scusa” per far coincidere cuore e cervello, ma in fondo avevo già deciso. La sinistra italiana è ancora molto lontana dal rinnovamento, e non parlo certo di riformismi moderati o intransigenze rivoluzionarie, bensì dell’uscita dagli schemi che invece si stanno riproponendo. Il “voto utile”, per me, era rafforzare un soggetto radicale con maggiori possibilità di contare qualcosa, al di là delle preoccupazioni su quel che succederà dopo (tipo Vendola al guinzaglio e Monti spremiagrumi), con tutto il rispetto per Ingroia e il suo nuovo partito dal programma identico a quello di SEL, se si eccettua l’accettazione dei compromessi.

Continuo a credere che la proposta di Bertinotti di saltare questo turno fosse più interessante di quanto sembrasse. Ma già che ci siamo e che non si può né si deve disprezzare il diritto-dovere di scegliere i propri rappresentanti (perché questo è il tipo di democrazia che abbiamo, anche se non funziona o non ci basta), sono andato al seggio, privo di entusiasmo, privo di speranze, e quando ne sono uscito ho pensato a quanti non hanno la possibilità di votare e che in fondo, quella semplice X è anche qualcosa di bello.

Beh, mo’ basta.


Citazioni a iosa

Perché le citazioni piacciono tanto? Le vediamo e le mettiamo ovunque: all’inizio dei libri, o di singoli capitoli; su manifesti, biglietti, confezioni, decorazioni, murali, dentro i famosi cioccolatini; su facebook, poi, lo sport più diffuso è condividere immagini corredate da citazioni di personaggi più o meno celebri, in continuazione. Credo che la citazione, spesso un aforisma involontario, sia un modo di esprimere attraverso parole altrui quei pensieri cui non riusciamo talvolta a dar forma, con la bellezza d’una poesia e la sicurezza d’una sentenza. Oppure come una verità che, a un tratto, illumina qualcosa che ci era rimasto oscuro o nascosto fino a quel momento, spingendoci a pensare. O, ancora, come una giustificazione di qualche nostro preconcetto. E così via, per mille altre dimensioni di esperienza intellettuale. Qui di seguito ne raccolgo alcune che, negli anni, mi hanno colpito per vari motivi, tra contraddizioni, ripensamenti ed entusiasmi; sono quasi tutte, per forza di cose, di area umanistica, tra filosofia, politica, ideologia e rimandi letterari e cinematografici. Per ora sono tra le più significative e possono magari dare una visione un po’ ristretta dei miei orizzonti d’interesse, ma se voglio condividerle è perché, comunque, penso possano far riflettere voi come hanno fatto riflettere me.

“La filosofia, finché una goccia di sangue pulserà nel suo cuore assolutamente libero, dominatore del mondo, griderà sempre ai suoi avversari, insieme a Epicuro: «empio non è chi rinnega gli dèi del volgo, ma chi le opinioni del volgo applica agli dèi». La filosofia non fa mistero di ciò. La dichiarazione di Prometeo – «detto francamente, io odio tutti gli dèi»– è la sua propria dichiarazione, la sua propria sentenza contro tutti gli dèi celesti e terreni che non riconoscono come divinità suprema l’autocoscienza umana” – Karl Marx

“La rivoluzione non è un pranzo di gala, non è una festa letteraria, non è un disegno o un ricamo, non si può fare con tanta eleganza, con tanta serenità e delicatezza, con tanta grazia e cortesia. La rivoluzione è un atto di violenza” – Mao Tse Tung

“Creare una nuova cultura non significa solo fare individualmente delle scoperte originali: significa anche e principalmente diffondere criticamente delle verità già scoperte, “socializzarle” per così dire e pertanto farle diventare base di azioni vitali, elemento di coordinamento e di ordine intellettuale e morale” – Antonio Gramsci

“Il peggior analfabeta è l’analfabeta politico. Egli non sente, non parla, né s’interessa per gli avvenimenti politici. Egli non sa che il costo della vita, il prezzo dei fagioli, del pesce, della farina, dell’affitto, delle scarpe e delle medicine, dipendono dalle decisioni politiche. L’analfabeta politico è talmente somaro che si inorgoglisce e si gonfia il petto nel dire che odia la politica. Non sa, l’imbecille, che dalla sua ignoranza politica nasce la prostituta, il minore abbandonato, il rapinatore e il peggiore di tutti i banditi, che è il politico disonesto, il mafioso, il corrotto, il lacchè delle imprese nazionali e multinazionali” – Bertolt Brecht

“Se uno lancia un sasso, il fatto costituisce reato. Se vengono lanciati mille sassi, diventa un’azione politica. Se si da fuoco a una macchina, il fatto costituisce reato. Se invece si bruciano centinaia di macchine, diventa un’azione politica. La protesta è quando dico che una cosa non mi sta bene. L’opposizione è quando faccio in modo che quello che adesso non mi piace non succeda più” – Ulrike Meinhof

“Se mai l’umanità arrivasse al punto di non operare che su verità eterne, su risultati del pensiero che posseggano il valore sovrano e l’incondizionata pretesa di verità, essa sarebbe pervenuta a quel punto in cui l’infinità del mondo intellettivo sarebbe esaurita tanto in atto che in potenza, e sarebbe compiuto il celeberrimo miracolo dell’innumere numerato” – Friedrich Engels

“La storia mostra che ogni sistema di idee – sia esso religioso, filosofico, giuridico o politico – per quanto fosse rivoluzionario al momento in cui nacque ed intraprese la sua lotta per la supremazia, prima o poi diventa un impedimento e un ostacolo allo sviluppo ulteriore, diventa cioè una forza socialmente reazionaria. Ha potuto sfuggire a questa fatale degenerazione soltanto la teoria che si è elevata al di sopra di essa coscientemente, che ha saputo renderne conto e metterne in luce le cause. Questa teoria è stato il marxismo” – Aleksandr A. Bogdanov

“È noto ad ogni leninista, purché sia un vero leninista, che il livellamento nel campo dei bisogni e delle condizioni di vita private è un’assurdità reazionaria da piccoli borghesi, degna di una qualche setta primitiva di asceti, ma non di una società socialistica organizzata marxisticamente, poiché non si può esigere che tutti gli uomini abbiano bisogni e gusti perfettamente uguali, che tutti gli uomini quanto al loro tenore di vita privata vivano secondo un unico modello” – Stalin

“La verità, in fatto di religione, è semplicemente l’opinione che è sopravvissuta” – Oscar Wilde

“Meno dichiarazioni fa un uomo nella sua vita, meno sembrerà ridicolo quando dovrà ritrattare” – Quentin Tarantino


Tutto Ratzinger

*

Fletto le ginocchia e sono in preghiera!

Sgambetto del Papa

uèp! Sua santità! Ma che mi combina?! Io stavo per rispolverare un vecchio articolo su di lei, tanto per fare un po’ l’anticlericale, e lei si dimette? Adesso non ne varrà più la pena. Anzi, questa sua decisione, da un certo punto di vista, le fa onore. Parliamo allora un po’ della sua scelta, o meglio della sua bomba, dell’altro ieri (sono due giorni che provo a scrivere questo articolo).

Da quanto ho letto in giro, sono passati diversi secoli dall’ultima volta che un suo predecessore ha deciso di abdicare (e non di dimettersi, in quanto lei, sebbene eletto, è pur sempre l’ultimo monarca assoluto d’Europa); non so cosa diranno i vaticanisti – a proposito, mi lasci esprimere rammarico per il fatto che il mio preferito, Giancarlo Zizola, non sia più qui a poterne scrivere – ma capisco quale novità e notizia sia questa. Continua a leggere