Archivi tag: urss

Makarenko: disciplina e responsabilità

MakarenkoQuesto primo aprile è ricorso l’ottantesimo anniversario della morte di Anton S. Makarenko (1888-1939), importante pedagogista sovietico, oggi sconosciuto ai più. Io stesso lo conosco solo da un paio d’anni, e solo perché nella stessa epoca, interessandomi di Nadežda K. Krupskaja, pedagogista anche lei (ma più nota per essere stata la moglie di Lenin), ho scoperto varie questioni dell’educazione in URSS tra la Rivoluzione e l’ascesa di Stalin. Makarenko si è distinto per il recupero della marginalità sociale e l’uso di una disciplina militaresca nelle colonie e nelle comuni che ha gestito. Il suo obiettivo era di educare e formare l’individuo alla responsabilità nei confronti della collettività.

A lungo dimenticato, ultimamente ne hanno ristampato il capolavoro: Poema pedagogico, scritto negli anni Trenta, in cui, con uno stile letterario e romanzato, descrive la vita nella Colonia Gorkij, dove venivano rieducati i ragazzi orfani che delinquevano. Il fatto che fosse un pedagogista sovietico lo pone, com’è ovvio, al crocevia ideologico dove finiscono tutti gli schierati: lo devo tenere in conto perché è comunista? O lo devo tralasciare, per lo stesso motivo? Lo devo forse “epurare” della sua ideologia e ri-attualizzarlo? O devo prenderlo per ciò che è, storicizzandolo?

Secondo alcuni si tratta di un “prodotto” in linea con lo stalinismo, disciplinare e inquadrante; secondo altri, il livello politico è molto basso, quasi una “patina” sovrapposta per convenienza su teorie non ideologiche. Come al solito, la questione è un po’ più complessa: Makarenko non fu mai ufficialmente sostenitore del bolscevismo, né iscritto al partito; fu soprattutto attraverso la convivenza con la moglie Galina S. Salko che il pedagogista si avvicinò, gradualmente, all’ideologia sovietica. Tuttavia non si può negare che nella pedagogia makarenkiana si accolga il concetto di “uomo nuovo” come modello di individuo integrato nel collettivo, la cui formazione si espleta attraverso il lavoro. Il pedagogista sovietico, allora, può essere considerato un educatore approdato in maniera personale alle concezioni ideologiche dell’URSS, come complemento delle proprie concezioni educative.

La carriera di Makarenko – Da ispettore scolastico della neonata Repubblica dei Soviet, concentrò la sua azione sui dimenticati della nazione, gli orfani e i bambini abbandonati a se stessi durante la guerra civile russa (1918-1921), che riunì in comuni di studio e lavoro organizzate secondo una disciplina militaresca, dove studenti e insegnanti formavano un collettivo. La situazione dell’epoca era drammatica: decine di migliaia di orfani, lasciati a sé stessi, vivevano in condizioni miserevoli e spesso diventavano criminali, commettendo gravi atti contro le persone e il patrimonio pubblico.

La semplice correzione punitiva non bastava e Makarenko, ricevuto l’incarico di gestire una comune, trasse dall’esperienza quotidiana alcuni principi teorici: intanto, la rieducazione dei ragazzi ex-delinquenti non deve essere impostata a partire dall’entità del loro crimine, come se questo li “marchiasse” in maniera lombrosiana, bensì dalla constatazione che si ha a che fare con esseri umani come gli altri, degni perciò di una fiducia di base; poi, le attività da svolgere non possono avere un carattere libertario, come una parte della pedagogia sperimentale sovietica propone (riprendendo le idee di Rousseau), bensì un indirizzamento verso obiettivi specifici; infine, la scelta della disciplina militaresca non va ridotta alla severità umiliante della vecchia scuola zarista, ma intesa come mezzo di formazione della personalità individuale nella sua pienezza, che coincide con la vita nella collettività.

Le diverse esperienze, raccolte nelle opere più famose, costituirono il laboratorio da cui è emersa la pedagogia della prospettiva: l’individuo deve tener presente che ogni sua azione è legata a quelle degli altri, in una rete di rapporti, relazioni, cause ed effetti; specularmente, il collettivo deve possedere la generale consapevolezza che la vita associata è il risultato delle interazioni individuali. Ciò comporta due linee di prospettiva nell’educazione, per cui allo sviluppo delle capacità individuali deve corrispondere lo sviluppo delle relazioni del collettivo, il cui collante è la disciplina, intesa come formazione di valori etici e morali attraverso la collaborazione e la partecipazione alla vita in comune.

Senza questa  presa di coscienza, la prospettiva individuale tende a generare atteggiamenti egoistici, che portano all’irresponsabilità verso le esigenze e i problemi della collettività; allo stesso modo, la prospettiva collettiva tende a sfaldarsi e a non fornire più scopi e obiettivi. Una disciplina cosciente, motivata, che faccia comprendere ai membri del collettivo il perché di ogni decisione, anche punitiva, rafforza quella convergenza di prospettive e ha come risultato la responsabilità, dell’individuo di fronte alla società e viceversa.

Makarenko estese tale idea all’educazione in seno alla famiglia:i genitori hanno la responsabilità di educare i propri figli a essere consapevoli di far parte di una società:

Il bambino non deve pensare in nessun caso che la vostra opera di direzione della famiglia e di lui stesso sia per voi un piacere o una distrazione. Egli deve sapere che voi non rispondete soltanto di voi stessi, ma anche di lui di fronte alla società sovietica. Non bisogna temere di dire apertamente e fermamente ai figli che essi vengono educati, che devono imparare ancora molte cose, che devono crescere come dei buoni cittadini, che i genitori sono responsabili del raggiungimento di questo fine e che non temono tale responsabilità. Facendo sentire questa vostra responsabilità potrete anche ricorrere al principio dell’aiuto e potrete far rispettare una eventuale esigenza. In alcuni casi l’esigenza deve essere espressa nella forma più rigorosa, tale da non ammettere obiezioni. Fra l’altro bisogna dire che si può esprimere utilmente una esigenza soltanto se nell’immaginazione del bambino si è già formato il concetto dell’autorità basata sulla responsabilità. Anche nella più tenera età egli deve sentire che i suoi genitori non convivono con lui su un’isola deserta.

Terminando la nostra lezione, riassumiamo brevemente quanto si è detto. Primo: occorre che in famiglia vi sia il principio di autorità. Secondo: bisogna però distinguere la giusta autorità dalla falsa autorità, basata su principi artificiali e che tende a ottenere l’obbedienza con qualsiasi mezzo. Terzo: la vera autorità si basa sulla vostra autorità di cittadino, sul vostro sentimento di cittadino, sul vostro comportamento, sulla vostra conoscenza della vita del bambino, sull’aiuto che gli date e sulla vostra responsabilità per la sua educazione.

[Tratto da Consigli ai genitori]

Inutile sottolineare come oggi questa prospettiva, in tempi di bullismo folle nella scuola, corroborato spesso da genitori fuori di senno, abbia una sua attualità, specie contando che non è una invocazione del ritorno – anacronistico e impossibile – alle bacchettate, ma un lavoro di formazione caratteriale di ampia visione, che coinvolgerebbe l’intera società.

Questa idea di educazione alla responsabilità è in fondo l’altra faccia dell’educazione alla libertà. Non è un caso che il pedagogista sovietico parlasse di autorità basata sulla responsabilità: nel suo rifiuto delle idee di quegli educatori che riproponevano l’educazione naturale e la spontaneità dell’Emilio, Makarenko non riproponeva a sua volta una sciocca severità, sterile nella sua venerazione di una disciplina ottusa e violenta. Il carattere militare delle colonie e delle comuni in cui i ragazzi abbandonati venivano rieducati aveva un doppio scopo: 1) di rispondere a una emergenza sociale cui nessun’altra iniziativa, nel contesto dei tumulti post-rivoluzionari, era riuscita a far fronte in modi efficaci; 2) di cercare una via nuova per coinvolgere quei ragazzi nella loro stessa formazione etica e morale, renderli partecipi di una vita in comune che è per sua natura un’esperienza educante.

La polemica con i seguaci di Rousseau riguardava proprio la disciplina militaresca, che veniva vista come “educazione alla schiavitù”. La reazione libertaria all’educazione zarista dopo la Rivoluzione fu ovvia, le possibilità offerte dalla sperimentazione educativa furono potenzialmente vastissime. Ma l’influenza di quelle idee “rousseauiane” era considerata da Makarenko rischiosa per la concezione individualistica che ne sta alla base: l’educazione incentrata sull’individuo tende a isolarlo dalla società, a prenderlo nella sua unicità, senza tener conto della collettività cui dovrebbe essere preparato a partecipare.

Nell’idea reazionaria di disciplina è insita la sfiducia verso l’essere umano, la convinzione che solo raddrizzando i “rami storti” con durezza si possano creare uomini validi, cosa che non si discosta granché da un atteggiamento volto a salvare il salvabile. Nell’opera makarenkiana vi sono invece fiducia e ottimismo verso l’umanità, le sue potenzialità e il progresso di cui è capace; ma ne emerge anche la consapevolezza che la libertà implica dei limiti, l’azione implica la consapevolezza delle conseguenze, l’egoismo tendenziale dell’individuo deve essere controbilanciato dal senso di responsabilità del gruppo di cui è parte integrante.

Senza questa educazione alla responsabilità, la libertà perde il senso della crescita personale, scade nell’arbitrio, nella prospettiva assolutamente egoistica di un laissez-faire  che conduce alla sopraffazione dei deboli da parte dei forti, rinforzando le diseguaglianze sostanziali e sminuendo l’uguaglianza formale. In questo modo si rinuncia alla libertà, ricadendo nell’autoritarismo e nello stato di minorità denunciato da Kant.

Per la biografia: Makarenko: BIOGRAFIA come Diario Pedagogico, consultabile sul sito dell’Associazione Italiana Makarenko.

Alcune opere attualmente in commercio:

  • Poema pedagogico (1935), Red Star Press, 2017 (anche Pgreco, 2017)
  • Consigli ai genitori (1937), La Città del Sole, 2006
  • La pedagogia scolastica sovietica (1938), Armando Editore, 2009

 

Annunci

L’educazione atea nel Rapporto Ilitchev

rapporto ilitchev

Tempo fa, l’UAAR aveva pubblicato un articolo sul blog di MicroMega intitolato “Il Fatto separato dai fatti”, in cui si lamentava per le dabbenaggini scritte da uno dei collaboratori sul loro festival laico e umanistico, organizzato per la settimana successiva; in entrambi gli articoli si faceva riferimento a un certo “rapporto Ilitchev”, uscito in Unione Sovietica per dare un programma coerente alla diffusione dell’ateismo in seno al popolo. Io avevo già trovato, per puro caso e senza saperne nulla, il testo in una vecchia edizione su eBay, inserendolo nella lista dei desideri; dopo averlo visto citato negli articoli della discordia, mi sono deciso a comprarlo per capire cos’è esattamente.

Riferimento bibliografico: L’educazione atea. Rapporto Ilitchev alla Commissione Ideologica del P.C.U.S. Testo e commento, Edizione «Orientamenti sociali» ICAS, con premessa di M. Puccinelli e commento di V. Rovigatti, collana “Studi e documenti”, Roma 1964. [l’immagine qui sopra è un particolare della copertina]

 

Che cos’è il Rapporto Ilitchev

IlicioffTrovare notizie in merito è stato davvero poco semplice, per la scarsità di fonti (e di interesse) sul tema; alcune cose lo ho tradotte con Google Translator da pagine russe. Il Rapporto Ilitchev alla Commissione ideologica del PCUS, presentato come «Attività per rafforzare l’educazione ateistica della popolazione» nella riunione a Mosca del 25 novembre 1963, fu pubblicato nel gennaio seguente e ripreso dalla stampa internazionale con un certo clamore, soprattutto dalle associazioni cattoliche. Fu redatto da Leonid Fëdorovič Il’ičëv (pron. “ilicioff“), giornalista, ideologo e scrittore, che tra il 1961 e il 1965 fu Presidente della Commissione ideologica e Segretario del Comitato centrale (una carica assunta assieme ad altri membri nel periodo di gestione collegiale del potere).

Questo scritto apparve al culmine di una vasta campagna antireligiosa promossa da Krusciov tra il 1958 e il 1964; tratta fondamentalmente dell’estensione di un’educazione ateistica a ogni livello della società sovietica, non solo a scuola, partendo dalla premessa dell’insufficienza della propaganda contro i culti e le sette religiose adottata in URSS fino a quel momento. In Italia, la prima edizione fu curata da una rivista cattolica che accompagnò la traduzione dal francese del testo con un commento fortemente polemico sui pericoli dell’azione comunista attraverso il PCI, considerato mera estensione del PCUS. La paura di fondo era di una inedita campagna per l’ateismo in Italia, condotta attraverso l’insegnamento scolastico improntato al materialismo scientifico e alla propaganda ideologica su tutti i fronti.

Il Rapporto è un testo piuttosto interessante, sia come un documento storico sulla politica culturale e la cultura politicizzata sovietiche, sia in merito alla relazione tra educazione e principi religiosi o ideologici. Dal punto di vista storico, questo Rapporto segna il momento culminante della repressione dei credenti in Unione Sovietica, dopo alcuni anni di relativa libertà, nel dopoguerra, che avevano spinto a un graduale ritorno della Chiesa sulla scena sociale. La necessità di mantenere alto l’impegno ideologico dei cittadini, soprattutto grazie ai successi del regime in campo scientifico, giustificava il rafforzamento dell’educazione nei termini di una profonda estensione del concetto scientifico del mondo nella cultura del popolo. Ciò si accompagnava, naturalmente, a forme di repressione e propaganda tipiche del regime, sempre più dure e persino violente. Continua a leggere


Il profeta odiato

Trotsky 2Lev Trotsky è stato uno degli uomini più odiati al mondo. Non come dittatori o terroristi ben noti, non come figura diabolica su cui il biasimo è unanime. Molti non lo ricordano nemmeno, eppure ha fatto parte di quelle piccole minoranze di persone che, per essersi trovate dal lato perdente di una fazione perennemente in conflitto, hanno finito per essere contro tutto e tutti. E per questo non hanno avuto pace né speranza, finendo con l’essere odiate in ogni caso, da qualunque punto di vista, anche quando non hanno potuto far nulla di cui essere accusati.

Trotsky è stato un personaggio storico di enorme importanza, nonché di grandissima levatura intellettuale e politica. Assieme a Lenin e agli altri bolscevichi, è stato fautore della Rivoluzione d’Ottobre, organizzatore dell’Armata Rossa e uno dei teorici marxisti più fecondi del Novecento. Tra le sue responsabilità, soprattutto durante la guerra civile, c’è la repressione della rivolta di Kronstadt, un episodio terribile che basterebbe a screditare il fondamento rivoluzionario bolscevico, ma che in quel momento era stato ritenuto “necessario” e non sarebbe stato mai rinnegato in seguito. Il ruolo effettivo di Trotsky non è del tutto chiaro, ma essendo lui il firmatario dell’ultimatum dato ai marinai di Kronstadt, è coinvolto nella responsabilità dell’evento. Più in generale, è alla sua figura che i controrivoluzionari fanno riferimento come incarnazione demoniaca del Terrore rosso, di cui fu comunque uno degli organizzatori. Continua a leggere


Norme giuridiche per l’ateismo

Конституция_СССР_1936_года_4

Il titolo è roboante, ma questo post non passa dall’essere una nota estemporanea. Ne approfitto per augurare a tutti un felice 2018.

Un cattolico mi ha detto, una volta, che “in Unione Sovietica l’ateismo era nella Costituzione”. Con questo voleva intendere che era la posizione ufficiale dello Stato, imposta a tutti i cittadini, discriminando i credenti. Ma la cosa mi pareva strana, perché se è vero che lo Stato sovietico era duro con la Chiesa e le confessioni religiose, è anche vero che nelle sue leggi era (formalmente) molto più avanti dei paesi occidentali: infatti nelle varie formulazioni era asserita la libertà religiosa così come la libertà di non professarne alcuna. Che poi, come in altre questioni, lo Stato riuscisse a trovare il modo di fare il contrario, è una questione diversa. Il punto è che l’ateismo era sì citato nella Costituzione, ma non come posizione ufficiale né tanto meno predominante rispetto alle altre. Paradossalmente, il periodo più sereno per la Chiesa fu la Seconda Guerra Mondiale, quando Stalin decise che il sentimento religioso poteva risvegliare l’ardore patriottico; con l’ascesa di Chrusciov e la destalinizzazione, anche i rapporti con la Chiesa peggiorarono nuovamente. In ogni caso, dal punto di vista giuridico e formale, l’Unione Sovietica era uno Stato laico che riconosceva esplicitamente la separazione tra le proprie istituzioni e la religione, dopo secoli di connubio tra zarismo e ortodossia, e in un periodo (prima metà del XX secolo) in cui in occidente la religione aveva ancora un ruolo molto forte nella società; ancora oggi vi sono privilegi espliciti per la chiesa, da noi, mentre in Russia sono stati fatti passi indietro davvero imbarazzanti. Quel cattolico dovrebbe accettare il fatto che, ogni tanto, qualcuno sceglie di non credere alla superiorità religiosa. Conferite gli articoli delle Costituzioni sovietiche del 1918, del 1936 (quella di Stalin) e del 1977, in merito alla religione.

Costitutzione della RSFSR del 1918

Art. 13. Al fine di assicurare ai lavoratori un’effettiva libertà di coscienza, la Chiesa è separata dallo Stato e la scuola dalla Chiesa, e si riconosce a tutti i cittadini la libertà di propaganda religiosa ed antireligiosa.

Costituzione dell’URSS del 1936

Art. 124. Allo scopo di assicurare ai cittadini la libertà di coscienza, la Chiesa nell’URSS è separata dallo Stato e la scuola dalla Chiesa. La libertà di praticare culti religiosi e la libertà di propaganda antireligiosa sono riconosciute a tutti i cittadini.

Art. 135. Le elezioni dei deputati sono a suffragio universale: tutti i cittadini dell’URSS, che abbiano compiuto i 18 anni, indipendentemente dalla razza e dalla nazionalità cui appartengano, dalla fede religiosa, dal grado di istruzione, dalla residenza, dall’origine sociale, dalla condizione economica e dalla passata attività, hanno diritto di partecipare alle elezioni dei deputati e di essere eletti, ad eccezione degli alienati mentali e delle persone condannate dal tribunale alla privazione dei diritti elettorali.

Costituzione dell’URSS  del 1977

Art. 34. I cittadini dell’URSS sono uguali davanti alla legge indipendentemente dall’origine, dalla condizione sociale e patrimoniale, dalla razza e dalla nazionalità a cui appartengono, dal sesso, dall’istruzione, dalla lingua, dall’atteggiamento verso la religione, dal genere e dal carattere delle occupazioni, dalla residenza e da altre circostanze.

Art. 52. Si garantisce ai cittadini dell’URSS la libertà di coscienza, cioè il diritto di professare qualsiasi religione o di non professarne alcuna, di praticare culti religiosi o di svolgere propaganda ateistica. È proibita l’istigazione all’ostilità e all’odio in relazione a credenze religiose. Nell’URSS la Chiesa è separata dallo Stato e la scuola dalla Chiesa.


до свидания

Quest’anno maledetto non finisce più.

Cos’è il Coro dell’Armata Rossa (il Post)

Ricordiamolo con un paio di classici:

E un paio di canzoni moderne:

Leonid Kharitonov, che avete sentito nelle esibizioni più vecchie qui riportate, ha rilasciato un video di condoglianze per i membri del Coro di cui ha fatto parte per vent’anni (sottotitoli in inglese):


Ingrao nel 1990

Pietro Ingrao (1915-2015) al XIX congresso del PCI, nel pieno del processo noto come “svolta della Bolognina“.

[appunto, una pagina dei necrologi; ma posso davvero lasciar correre?]

Aggiornamento: link al dialogo tra Ingrao e Bobbio sulle istituzioni, pubblicato nel 1986 su MicroMega.


Il Giorno della Vittoria, 1945-2015

Oggi in Russia si festeggia il Giorno della Vittoria, la fine ufficiale della Seconda guerra mondiale. Sulla Piazza Rossa a Mosca stanno già finendo la parata, ma io voglio riproporre quella del 1945, con la cerimonia della deposizione degli stendardi nazisti ai piedi del mausoleo di Lenin.* In Russia la Seconda guerra mondiale viene definita Grande guerra patriottica; il Fronte orientale è stato il teatro di scontro più grande della guerra e in effetti il più decisivo, nonché forse il più devastante per numero di morti. Al giorno d’oggi può risultare agghiacciante, sul piano morale, dovere la propria libertà anche a Stalin; il giudizio della storia arriva per tutti, ma è giusto ricordare che senza l’Unione Sovietica, molto probabilmente, oggi parleremmo tedesco. Comunque, la nostra libertà la dobbiamo soprattutto ai popoli dell’URSS, il cui enorme sacrificio nelle condizioni più avverse (anche a causa delle scellerate “purghe” staliniane dell’esercito negli anni Trenta) ha permesso di ribaltare una situazione disperata in una eccezionale controffensiva, fino alla caduta del Terzo Reich. A loro, e a tutti i popoli del mondo che hanno combattuto la barbarie nazista, va il mio ringraziamento.

Voce “Giornata della Vittoria (Paesi dell’Europa orientale)” su Wikipedia.

*dal minuto 10