Archivi tag: sinistra

Un amico di destra

Quello che segue è un vecchio articolo rimasto a livello di bozza per qualche anno. Ho deciso di completarlo pur avendo cambiato, nel frattempo, alcune prospettive. In questi ultimi tempi, il degrado della politica e della società civile nel nostro Paese ha raggiunto un limite che non era stato toccato da decenni. Non potrei, in tutta sincerità, accettare tra i miei amici un sostenitore dei delinquenti che stanno stravolgendo l’integrità delle nostre istituzioni, della nostra etica civile e della nostra cultura. Purtroppo è un periodo di forte polarizzazione e, anche rifiutando la logica tribale oggi così diffusa, ci costringe comunque a prendere posizione e tracciare una linea. Ma quello che segue vuole essere un’esortazione a vedere il lato positivo di discutere con persone che la pensano all’opposto, e lo propongo proprio in reazione alla logica tribale.

***

Premesso che nelle amicizie non faccio grandi discriminazioni politiche, perché trovo sciocco basare i rapporti interpersonali su giudizi “ideologici”, mi pare piuttosto normale che ognuno di noi tenda a circondarsi di persone in qualche modo simili a sé. Di conseguenza, gran parte delle persone che posso considerare amiche hanno una visione del mondo relativamente simile alla mia; però tra la scuola, l’università e gli ambienti di lavoro e di piacere, ne ho conosciute di persone che la pensano diversamente e magari all’opposto. D’altra parte ho anche evitato di coltivare rapporti con gente che, pur avendo idee vicine alle mie, era per altri versi poco interessante o gradevole. Ci sono poi alcune conoscenze che si fanno per forza di cose, come parenti o amici stretti di amici, con cui si deve avere a che fare senza poter davvero operare una normale selezione.

Di amici di destra ne ho quindi diversi. Alcuni lo sono da sempre (di destra, intendo), altri lo sono diventati in seguito a delusioni più o meno cocenti a sinistra (questi sono i più “cattivi”). Averli, quando si è marxisti impenitenti e, loro, di tendenze reazionarie, può essere fonte di stress, ma anche di sforzi intellettuali. Uno in particolare mi stimola molto a interrogarmi su ciò che penso, perché spesso e volentieri dice cose talmente assurde da mandarmi fuori dai gangheri, eppure è così convincente e sicuro di sé che non di rado mi trovo in difficoltà a fargli capire dove sbaglia su cosa non concordo e come mai.

Questo amico, che chiamerò Roque, è poco più giovane di me, ha fatto un sacco di esperienze lavorative più di me, legge abbastanza, si informa molto, ed è a metà tra un liberale e un nazista. Essendo straniero, va detto, ha avuto a che fare con una situazione politica un po’ diversa da quella italiana. Lo conosco da qualche anno e, da quanto mi ha raccontato, ha avuto un suo (breve) periodo a sinistra, ha sempre ammirato Che Guevara e si è persino impegnato in alcune campagne di propaganda al livello locale, durante le quali ha assistito a giochi e giochetti poco edificanti che hanno dato un primo colpo alle sue (fragili) convinzioni. Poi, ha saputo da vari mezzi di informazione (non so quanto affidabili, ma convincenti) di casi di corruzione e “inciuci” degradanti, ben lontani dalla morale sbandierata dalla sinistra e, avendo una predisposizione a vedere le cose in bianco e nero, ha abbandonato non solo la simpatia per il partito, ma pure il discernimento critico tra persone e teoria, per cui è diventato anticomunista. E per anticomunista intendo genericamente contro ogni tipo di sinistra, se non per alcuni aspetti particolari di cui dirò poi.

Il suo motto, per la frequenza con cui lo dice, è si vis pacem, para bellum (se vuoi la pace, prepara la guerra – in senso letterale!). Per fare un elenco ideale, direi che Roque ritiene giusto o opportuno:

  • andare in giro armati (di pistola o almeno di coltello);
  • uccidere i criminali sul posto, se oppongono resistenza;
  • comminare la pena di morte anche per reati di corruzione;
  • risolvere le diatribe politiche con forme di lotta violenta, se la giustizia o la dialettica non funzionano;
  • punire severamente chi si comporta male, non importa cosa abbia fatto o da quale situazione provenga (niente scuse tipo “vittima della società”, insomma);
  • rivalutare l’azione dei regimi militari in quanto portatori di ordine;
  • smetterla con le continue tutele statali di categorie di persone, tra quote e sussidi, che creano parassiti e forme di discriminazione “al contrario”;
  • stessa cosa per il politically correct;
  • abolire o abbassare nettamente la tassazione, dato che non ritorna sotto forma di servizi ma solo come “mangime” per i politici;
  • viaggiare liberamente per il mondo, ma rispettare le regole altrui – quindi i migranti, specie i mussulmani, dovrebbero starsene a casa loro;
  • tenere d’occhio ebrei e massoni per le loro attività lobbistico-cospirative.

Tuttavia, quando si parla di soluzioni e realizzazioni, Roque sembra avere una gran confusione in testa. Il fatto di difendere un regime militare per l’ordine che porterebbe e allo stesso tempo predicare la possibilità di girare armati, non fa scattare in lui la contraddizione tra le esigenze di ordine e il controllo dei cittadini: come può una dittatura lasciare che i cittadini si armino? E se si ribellassero? E poi, a che servono le forze dell’ordine se i cittadini possono difendersi (e farsi “giustizia”) da soli? Poi, la tassazione: come fa uno stato, ancor più di polizia, a sostenersi se la gente non paga le tasse? I privati comunque dovrebbero pagare tasse per mantenere un apparato militare forte. Ma supponendo che non ci sia più bisogno di uno stato, che tutti i servizi compreso l’ordine diventino affare privato, come si fa a garantire a tutti l’educazione, la sanità e la sicurezza, condizioni basilari per la vita sociale, se bisogna pagare per ogni cosa? Eh sì, perché dal punto di vista sociale, Roque si lamenta anche dell’ignoranza che porta la gente a votare per carogne corrotte, che non avrebbero speranze se la gente sapesse, se si rendesse conto, se ricevesse un’educazione adeguata. Un popolo ignorante è facilmente manipolabile.

Qui c’è una vaga coerenza con il liberalismo: lo “stato minimo” dovrebbe continuare a occuparsi di quei servizi come un apparato amministrativo. Niente anarco-capitalismo, insomma. Però lo stato deve essere minimo sul serio, occuparsi solo di arbitrare e mantenere una certa coerenza sociale. Per Roque si tratta in ogni caso di una concessione al socialismo, perché è convinto che lo stato minimo sia socialista, probabilmente per una superficiale conoscenza dell’idea marxiana di estinzione dello stato. Insomma, vi è uno strano miscuglio tra individualismo, liberalismo, statalismo, militarismo e forme di stato sociale.

Tracciato questo quadro, devo dire che le sue osservazioni sono talvolta così semplici, o semplicistiche, che faccio fatica a rispondergli, dando per scontate conoscenze di principi e teorie, concordanze logiche e di valori ecc.; quello che per me è ovvio, per lui non lo è affatto. Perciò devo tornare sulle mie convinzioni e analizzarle minuziosamente per ricostruirne la genesi e l’evoluzione logica, in modo da spiegare per bene come mai non la penso come lui. E questo è un esercizio davvero interessante, oltre che impegnativo e persino stressante. D’altro canto, come posso convincerlo (sempre ammesso che debba farlo), o comunque ribattere e mantenere il punto, se io per primo non sono “fermo” sulle idee che porto avanti? Fermo, saldo, sempre pronto. Sempre cosciente. Perché invece vi assicuro che Roque è un database vivente di informazioni, che sa tirare fuori in qualsiasi momento per andare contro ciò che non gli va a genio (ossia quasi tutto); ed è bravissimo a ricercare quello che vuol sapere: se deve leggere 300 pagine su un determinato tema, non smette prima di arrivare alla fine. E ricorda tutto. Un talento personale invidiabile. L’unico problema è che non ha, secondo me, le ferramenta culturali per elaborare quelle informazioni, dato che se sono 300 pagine di cazzate, ma sono convincenti, lui le accetta e non ci sono santi che gli facciano cambiare idea.

In realtà, mi chiedo se, proprio a causa di questo suo modo di essere, valga la pena di affrontare chissà quali discussioni. Non credo proprio che riuscirei a fargli cambiare idea, né lui la farebbe cambiare a me. Discutere seriamente porterebbe a una rottura inevitabile. Semmai dovrei dargli suggerimenti, indicazioni, qualche direzione da seguire per ampliare il suo orizzonte, sperando che questo lo moderi un po’ nelle sue granitiche convinzioni. D’altra parte, ascoltare le sue idee mi prepara a ricercare argomenti su temi cari alla destra e rispondere in modo adeguatamente strutturato, non a lui direttamente, ma a chiunque. Con la importante differenza che, rispetto a molta gente, Roque sa sempre di cosa sta parlando, anche quando sbaglia, motiva tutte le sue affermazioni e conserva una lieve speranza di cambiare posizione se nuovi elementi siano sufficientemente convincenti (cioè molto, ma molto convincenti).

Se la pensiamo allo stesso modo, come possiamo valutare la qualità delle nostre idee? Dove si pone il limite, il confine che ci divide? Esiste una zona franca in cui incontrarsi e dialogare? E se non c’è, cosa possiamo trarre di buono dalla nostra inconciliabilità? Forse nella risposta a queste domande si trova la chiave di una convivenza sempre più difficile.

Annunci

Bancarotta ideologica?

Volete prenderlo sul serio? Ma lo sentite come parla? Usa la parola “tecnocrate”! Sembra un sociologo degli anni Settanta!

(da un episodio di APB, serie cancellata dopo la prima stagione)

Non so esattamente cosa scrivere, ma mettiamola così: la sinistra, non solo in Italia, sta scivolando verso la bancarotta ideologica. Ho la sensazione persistente che le varie anime della sinistra continuino, imperterrite, a mancare il punto fondamentale. Da un lato, quello radicale, c’è uno “sloganismo” inconcludente, fatto di rivendicazioni fuori dalla realtà, parole d’ordine antiquate, idee riciclate e una generale disperazione; dall’altro, il lato moderato, c’è un appiattimento imbarazzante sul liberismo, con il silenzio sullo sfruttamento, la rassegnazione rispetto al potere economico, i tentativi spesso patetici di salvare il salvabile con un po’ di assistenzialismo e tante promesse sul futuro che migliorerà. Ora, io non ho una ricetta pronta per aprire una nuova strada, ma direi che non mi sento rappresentato da nessuno. Continua a leggere


A sinistra di che?

Di recente, la rediviva Unità ha ospitato un dibattito sul mantenimento del nome di Gramsci nella testata. Qualcuno ha proposto di eliminarlo, ma stranamente non si tratta di una fazione di moderati poco inclini a tenersi Gramsci come riferimento culturale: al contrario, sono stati alcuni comunisti a sottolineare la distanza politica enorme tra il PD, di cui l’Unità è ora l’organo, e il pensiero di Antonio Gramsci, fondatore insieme a Togliatti e altri del Partito Comunista Italiano (di cui il Partito Democratico è solo in parte, e sempre meno, erede). Tutto sembra essere partito da un tweet di Fassina, contro un titolo del giornale dal sapore renziano. Chi non è d’accordo con questa proposta, sostiene che Gramsci, in quanto intellettuale italiano, appartiene a tutti, e anche al di là del fatto incontestabile che il giornale fu da lui fondato nel 1924, è giusto e persino necessario che il suo nome figuri sulla testata, perché il suo pensiero non è di proprietà esclusiva di una parte politica. In pratica, Gramsci appartiene a tutta la sinistra, anche a quella moderata, anzi alla cultura italiana in generale. I detrattori però sottolineano che probabilmente il compagno Gramsci si dissocerebbe dal PD e quindi dalla linea assunta dal suo organo di stampa; Gramsci fu sempre “partigiano”, politicamente intransigente, avverso all’indifferenza e autore di acutissime analisi storiche e sociali da un punto di vista di classe. Continua a leggere


Valentina VS Diego

Devo dire che Valentina Nappi mi ha colpito. E’ una pornostar ormai molto nota, ma non solo e forse non principalmente per le sue prestazioni su schermo. Tiene infatti (o almeno ha tenuto fino a poco tempo fa) una pagina-blog su MicroMega, dove esprime considerazioni tutt’altro che banali su questioni di costume, politica e filosofia, talvolta in modo provocatorio, ma sempre con lucidità e proprietà di linguaggio. Una proprietà tale, che all’inizio pensavo si facesse scrivere gli articoli da qualcun altro, visto che pure io, nonostante gli sforzi, conservo qualche pregiudizio sulla natura delle persone. In effetti alcune parti dei suoi articoli sembrano scopiazzate da testi di importanti autori: corretto sarebbe riportarle come citazioni, però un possibile “plagio” credo faccia parte delle sue provocazioni e, comunque, vuol dire che lei almeno qualche testo buono lo ha letto. In ogni caso sta diventando un personaggio pubblico come altre attrici porno prima di lei, attiviste nel campo della sessualità.

Incuriosito da questa porno-intellettuale, se così si può definire, ho letto con attenzione un suo articolo che ha suscitato le vive polemiche di un altro intellettuale, stavolta non porno, ma comunque giovane e in ascesa: Diego Fusaro. Ricercatore e saggista, è noto soprattutto per la curatela delle nuove edizioni di opere di Karl Marx, con Bompiani, e per il portale “La filosofia e i suoi eroi“, creato a 16 anni per raccogliere appunti di filosofia e oggi uno dei più ricercati. Fusaro ha aspramente criticato la posizione (intellettuale) di Nappi sull’idea attuale di anticapitalismo (secondo lei assimilabile al fascismo), adducendo però argomentazioni che, pur nella loro complessità, sembrano quasi reazionarie. La questione è piuttosto interessate, al di là della polemica generatrice, perché pone in rilievo un problema teorico stringente, cioè la crisi dell’alternativa socialista al capitalismo e l’emergere della destra radicale come forza di contestazione. Prima però di dire la mia, vi consiglio di leggere i due articoli in questione per avere la visione esatta del problema, così come è posto dai duellanti:

– “Oggi il fascismo si chiama anticapitalismo” (V. Nappi)

– “Il Capitale e i suoi utili idioti: la signorina Nappi” (D. Fusaro) Continua a leggere


Bertinotti. Una valutazione personale

Bertinotti-Fausto-2L’uscita di questo articolo su Repubblica mi spinge a scrivere qualche considerazione sul personaggio politico italiano che mi è sempre piaciuto di più. Penso sia giusto parlarne in toto e non solo in merito alle sue recenti dichiarazioni, riportate forse in modo superficiale, ma su cui ci sarebbe molto da discutere.

Fausto Bertinotti ha avuto su di me un’influenza enorme. Quando cominciai a interessarmi di politica, da adolescente negli anni Novanta, ero tendenzialmente un fervido rivoluzionario filosovietico per il quale non esisteva altra via che la ricostituzione immediata dell’URSS e la ripresa del movimento comunista internazionale. Ciò, come è evidente, proprio nel periodo in cui quell’esperienza si era appena conclusa e, forse più di oggi, il pesante discredito sull’intera cultura di sinistra era aggressivo, implacabile ed ebbro per la “vittoria”. In realtà, se la gente non avesse inziato a parlare malissimo dei comunisti, peggio che in passato, forse non mi sarei incuriosito per cercare di capire il motivo di tutto quell’astio e magari avrei preso una direzione un po’ diversa, forse. Continua a leggere


L’essenza della satira

E’ la capacità di smascherare e rivelare, attraverso l’uso sagace e intelligente dell’umorismo e della beffa, la realtà che pretende di autodefinirsi al di là di ogni critica. Ma molto meglio lo fa capire questo sketch di Corrado Guzzanti su Bertinotti e la sinistra massimalista dopo la scomparsa dal Parlamento alle elezioni del 2008. Un genio.


Quella dolce X

Alla fine ho votato sempre per SEL. Proprio non potevo “turarmi il naso”. Già devo ingoiare il rospo di un’elezione prematura, senza che si sia approfittato del periodo tecnico per rinnovare almeno un po’ lo scenario politico; dare il voto al PD al Senato era troppo. Il video qui sopra mi ha forse dato più una “scusa” per far coincidere cuore e cervello, ma in fondo avevo già deciso. La sinistra italiana è ancora molto lontana dal rinnovamento, e non parlo certo di riformismi moderati o intransigenze rivoluzionarie, bensì dell’uscita dagli schemi che invece si stanno riproponendo. Il “voto utile”, per me, era rafforzare un soggetto radicale con maggiori possibilità di contare qualcosa, al di là delle preoccupazioni su quel che succederà dopo (tipo Vendola al guinzaglio e Monti spremiagrumi), con tutto il rispetto per Ingroia e il suo nuovo partito dal programma identico a quello di SEL, se si eccettua l’accettazione dei compromessi.

Continuo a credere che la proposta di Bertinotti di saltare questo turno fosse più interessante di quanto sembrasse. Ma già che ci siamo e che non si può né si deve disprezzare il diritto-dovere di scegliere i propri rappresentanti (perché questo è il tipo di democrazia che abbiamo, anche se non funziona o non ci basta), sono andato al seggio, privo di entusiasmo, privo di speranze, e quando ne sono uscito ho pensato a quanti non hanno la possibilità di votare e che in fondo, quella semplice X è anche qualcosa di bello.

Beh, mo’ basta.