Archivi tag: sinistra hegeliana

La concezione marx-engelsiana dello Stato

Marx Engels

In occasione del bicentenario della nascita di Karl Marx, ho ritrovato miei vecchi appunti di studente di filosofia su un corso risalente al 2009 del prof. Guido Liguori, uno dei maggiori studiosi italiani del pensiero comunista. Li ripropongo così come sono, senza apportare modifiche.

***

Storia del pensiero politico contemporaneo – Prof. Liguori
Appunti sul corso “La concezione marx-engelsiana dello Stato. Marx e Engels vs Bakunin”, II semestre 2008/2009

 – 17/03/2009

Marx, oggi, è spesso ritenuto uno scienziato sociale, un sociologo che ha descritto i rapporti tra struttura sovrastruttura, che ha reso scientifico il socialismo, mentre la politica sembra avere un ruolo secondario; non è così, il rapporto tra struttura e sovrastruttura (o, a seconda dei punti di vista, infrastruttura) non è rigido e univoco come viene spesso inteso parlando della sua scientificità, mentre l’impegno politico è una costante della vita di Marx ed Engels, basti pensare alla partecipazione all’Associazione Internazionale dei Lavoratori (la cosiddetta Prima Internazionale), di cui scrivono i programmi come il “Manifesto del Partito comunista” del 1848.

BIOGRAFIA INTELLETTUALE DI MARX – Negli anni dell’università si forma nell’area della Sinistra Hegeliana, cioè i discepoli di Hegel che interpretano la filosofia del maestro in una prospettiva progressista radicale, e si laurea in filosofia a Jena e si trasferisce a Colonia per scrivere da giornalista sulla Rheinische Zeitung (Gazzetta Renana), dove già in un articolo sulla legge contro i furti di legna evidenzia il passaggio storico dal feudalesimo al capitalismo: attraverso la mercificazione di ogni cosa, dando al denaro il ruolo più importante nei rapporti tra individui. Continua a leggere

Annunci

Una nota sulla questione morale in Marx

 Karl Marx è ritenuto, tra le altre cose, uno dei maggiori critici della morale assieme a Nietzsche, a Freud e a vari altri autori generalmente accomunati nella cosiddetta “scuola del sospetto”. Il socialismo marxiano, infatti, viene definito scientifico per distinguerlo dai socialismi precedenti, detti utopistici: questi ultimi erano, secondo Marx ed Engels, troppo idealistici, fondati su concezioni di società avulse dai rapporti reali; un socialismo scientifico si fonda invece sull’analisi di quei rapporti, della struttura di una società in continua evoluzione. Oltre a questo, lo stesso Marx ha più volte criticato le istanze morali come base della lotta politica, insistendo contro il dualismo “giusto-ingiusto” nella stesura di programmi, indirizzi e piani d’azione dei partiti e delle associazioni a favore dei diritti della classe lavoratrice (in particolare nella Critica al programma di Gotha). L’emancipazione e lo sviluppo pieno della persona umana non sono fonti ideali per metri di giudizio, così come la realtà dello sfruttamento nel modo di produzione capitalista non è dovuto alla “cattiveria” dei padroni nei confronti dei lavoratori, bensì al funzionamento del sistema in sé.

Detto ciò, ho spesso sentito parlare di una contraddizione latente nell’opera di Marx: Continua a leggere


Il tubo digerente di Vendola

Il problema, ma anche il bello, di studiare filosofia è che quando qualcuno dice una stupidaggine te ne accorgi subito. Naturalmente non si deve trattare di persone notoriamente ottuse o ignoranti, bensì di gente dalla solida cultura con un po’ troppa fiducia in se stessa, o poca fiducia nella cultura degli altri. Stavolta è successo con un’affermazione di Nichi Vendola diretta principalmente contro Tremonti.

Prima di approfondire, chiarisco un punto: Vendola è l’unico politico che mi piace tra i soliti noti cui ancora siamo costretti a dar fiducia. Negli ultimi tempi ha cominciato a starmi un po’ antipatico, ma voterei comunque per lui tanto alle primarie (un meccanismo “democratico” su cui prima o poi mi interrogherò meglio) quanto alle successive elezioni politiche. Sebbene ostenti un po’ troppo la sua erudizione con un linguaggio forbito e dotte citazioni, mi fa piacere che almeno uno, tra i potenti, non disdegni di leggere qualche libro in più.

Purtroppo però, tra i libri preferiti da Vendola non sembra esserci nulla di e su Ludwig Feuerbach, grande pensatore tedesco capostipite della critica all’idealismo hegeliano e ispiratore di molti altri e più noti filosofi a cavallo tra XIX e XX secolo. Continua a leggere