Archivi tag: educazione

Aforismi a buon mercato

1 – Critica della modernità. Posto che tradizionalisti e conservatori di varia estrazione forniscono sempre spunti interessanti (sbagliando poi nelle conclusioni), perché dobbiamo sempre rifarci a Heidegger per criticare la modernità? La Scuola di Francoforte, pur apparendo superata per molti versi, resta comunque più attuale, approfondita e persino progressista, nonostante il pessimismo di fondo, nelle analisi del mondo moderno. Tecnica, capitalismo e controllo sociale non si possono semplicemente spazzare via con aristocratico snobismo, rimpiangendo un passato mai esistito di fatto, o credere sempre e incondizionatamente che l’alienazione umana sia il sintomo del nulla in cui tutto cade man mano che progredisce.
Naturalmente non sto dicendo di abbandonare Heidegger, ma anche la sua critica alla tecnica è oggi superata, pur conservando un nucleo senza tempo in merito all’esistenza umana (in poche parole: non è tanto la tecnica in quanto tecnologia ad essere deleteria, bensì la tecnica come impostazione culturale, che riduce l’essere umano a elemento di utilità). Il punto dovrebbe essere: ricercare quanto di ancora valido si presenti nelle teorie filosofiche rispetto alla critica della modernità, essendo questa contemporaneamente il punto più alto e più basso della storia umana in un costante movimento oscillatorio tra i due estremi, pervenendo così a una sorta di armonia tra opposti. E, dunque, tentare di riequilibrarla verso l’alto, avendo coscienza dell’inarrestabilità del movimento.

2 – Omofobia, razzismo, xenofobia. Non esiste una base razionale per questo tipo di odio o diffidenza verso il prossimo. La base è psicologica, oltre che culturale. Se prendiamo l’evoluzionismo, teoria scientifica e quindi razionale, l’omofobia non ha senso, perché i maschi omosessuali non sono in competizione per le femmine e pertanto gli etero non dovrebbero avvertirli come una minaccia; invece la psicologia ci spiega che può essere paura di diventare a propria volta omosessuale, quindi insicurezza, o desiderio di corrispondere al modello sessuale maschile imposto dalle regole sociali del proprio ambiente di appartenenza, insieme a una buona rigidità mentale.
Anche per il razzismo e la xenofobia non ci sono motivazioni razionali, perché scavando si trova sempre una concezione distorta della realtà, un sillogismo sbagliato: la maggior parte dei criminali arrestati sono negri, quindi i negri sono tutti criminali; oppure sono stranieri, quindi tutti gli stranieri sono pericolosi. Il problema però è più profondo: se si guarda al conflitto tra Hutu e Tutsi, abbiamo due tribù della stessa razza, che seguono la stessa religione e parlano la stessa lingua, ciononostante si odiano a morte; neanche a farlo apposta, c’è lo zampino dei colonizzatori belgi e delle loro differenziazioni razziali.
Tornando alla psicologia, mi torna alla mente la variante junghiana del tranfert: quando una persona ha in sé una forte negatività, la proietta come un’ombra sopra gli altri, solitamente un intero gruppo di persone considerate diverse per vari motivi, e attribuisce loro tutte le caratteristiche negative che invece cova in se stessa e da cui è tormentata. Così anziché rendersi conto del suo male, lo trasferisce e lo personifica, lo incarna in qualcosa che può odiare e combattere per autocurarsi.
In sostanza si troveranno sempre motivi per discriminare interi gruppi di persone, e magari scannarle. Persino se l’umanità intera avesse la pelle blu, parlasse il linguaggio universale, fosse ermafrodita e venerasse lo Spirito Assoluto. L’unica speranza è nell’educazione.

3 – Primarie del centrosinistra. Da una parte, non ci sarei andato perché se non fosse per Vendola sarebbe stata questione interna al PD, di cui non me ne frega niente; poi, il pugliese è l’unico che dice effettivamente “cose di sinistra”, quindi non è che avessi davvero scelta; infine la partita era chiaramente tra Renzi e Bersani, non c’era storia per nessuno. Già nel confronto tv su Sky l’attenzione era polarizzata da loro due, Bersani il politico di razza che parla bene e sa convincere, Renzi l’innovatore/rottamatore che sprizza entusiasmo e sa coinvolgere, mentre Vendola era troppo nervoso, Puppato prolissa e confusionaria (mi spiace, Red, a me non ha convinto), Tabacci gradevolmente spaventoso. Però è anche vero che io sto sempre a lamentarmi della gente che non partecipa, non si interessa, e poi quando c’è un’occasione di partecipazione, anche se è un teatrino, io non ci vado? Contraddittorio… dunque ho partecipato, sicuro al 100% del terzo posto di Nichi, e devo dire d’averne ricavato una bella sensazione, al di là dei dubbi su questo meccanismo un po’ “americano”, per un partito comunque meno tradizionale. Per me, e non lo dico soltanto per le ovvie ragioni, il centralismo democratico rimane un metodo organizzativo molto più proficuo.
Domani c’è il ballottaggio: Renzi è pericoloso, un uomo di destra che lotta per il controllo della sinistra, uno che non lascia spazio a dubbi su cosa farà e come, quindi voterò per Bersani. Anche qui non c’è scelta. Ma di Bersani non mi fido: come ho detto e ribadito varie volte, oggi si butta a sinistra per contrastare Renzi, domani magari applica il programma di Renzi per restare in auge a livello internazionale; però ripeto, se lui mi sucita molti dubbi, Renzi non me ne lascia neanche uno.
Tutto questo, sempre, facendo finta che le primarie servano a qualcosa.

4 – Un vecchio sfogo sempre valido. Sono semplicemente una persona che odia l’ignoranza, la trova disgustosa e insopportabile, all’origine di gran parte dei mali che infettano la società, causa di ristrettezza mentale, visioni errate, pensieri malevoli e azioni disastrose. Il mondo è pieno di ignoranti, ma non dico di quelli costretti all’ignoranza dalla vita, dico di quelli che pure avrebbero come non esserlo e preferiscono invece restarvi, e parlano, e parlano, e PARLANO, senza avere idea di cosa dicono, senza avere vergogna, senza pudore né buon senso, strumentalizzando, distorcendo, rendendo le cose ancora più difficili pensando di semplificarle, etichettando le persone, i gruppi, i popoli, trascinando nella propria cecità bruta la massa ottusa, come fanno i politici, i governi, le istituzioni corrotte, per sporco interesse o sordido piacere, confortati e resi autorevoli da un buon posto e un po’ di notorietà, o semplicemente chiacchierando con amici e parenti nei bar e alle feste, nelle piazze o in ufficio, rendendo tutto piatto, inutile, farsesco, merdoso e disprezzabile. E in Italia, uno dei paesi dalla cultura più ricca e antica, sembra si diano convegno.


Considerazioni su educazione e partecipazione nell’epoca contemporanea

Ecco un estratto di cosa sto combinando nella speranza di sopravvivere e trovarmi un posticino di lavoro (magari un fantozziano sottoscala)…

****

La democrazia, come sistema politico e sociale, è caratterizzata da una instabilità perenne. Negli ultimi decenni del XX secolo si è assistito a un graduale quanto imponente sviluppo di tratti fondamentali della modernità, riassumibili nel cosiddetto paradigma della complessità, ovvero il sintomo della dinamicità instabile cui le persone sono costrette a soggiacere, adattandosi costantemente ai mutamenti di costume, tecnologia e naturalmente economia, di cui la globalizzazione del libero mercato costituisce l’esempio maggiore per incidenza nella vita quotidiana degli individui. L’importanza assunta dall’apprendimento, dall’informazione e dalla comunicazione rende sempre più urgente per ogni cittadino il diritto e persino il dovere di mettersi al passo con l’evoluzione sociale; imparare a ricercare e raccogliere dati e informazioni, socializzandole attraverso i mezzi di comunicazione, integrandole con le conoscenze altrui e infine convogliarle in una produzione di pensiero critico è oramai un momento costitutivo del ruolo sociale di ogni cittadino in quanto tale. Ciò significa tracciare il passaggio, nell’ambito della società dell’informazione, da un tipo di cittadinanza passiva a una presa di coscienza della partecipazione attiva al processo di formazione della democrazia, nella quale ogni individuo può contribuire alla risoluzione dei problemi sociali attraverso la condivisione del lavoro intellettuale. Continua a leggere


Pro e contro la pop-filosofia

In questi giorni non ho alcuna disposizione d’animo favorevole, ma non voglio lasciare il blog a prender polvere, così ho recuperato una vecchia discussione e, rimaneggiandola un po’, la ripropongo qui perché comunque è qualcosa di cui avevo intenzione di parlare prima o poi. Si tratta di un commento a un articolo di un giornalista su quel recente fenomeno editoriale che è l’applicazione di studi filosofici alla cultura pop: l’autore, Eduardo Camurri, fa polemica contro la “pop-filosofia” che nasconde un vuoto di idee e una trovata commerciale da due soldi ordita da gente incapace di speculare a dovere. Riporto il testo così come lo ho letto su internet e faccio seguire il mio commento al riguardo. Forse è opportuno sottolineare che tutto quel che segue risale a prima del Bacio della Dialettica, sebbene non ne sia particolarmente inficiato.

Continua a leggere