Archivi tag: dibattito

Lo show TV della discordia

non è la stessa cosa

La differenza mi pare evidente

Un altro breve dibattito (brevissimo, uno scambio di battute) recuperato dai social network. Stavolta si discuteva del programma di Rai 1 Tale e Quale Show, edizione 2019, in cui, per chi non lo avesse mai visto, i concorrenti devono imitare ogni settimana un cantante famoso in una delle sue performance. Per farlo, oltre a passare per un difficile lavoro di imitazione del canto, della voce e delle movenze, vengono anche truccati da specialisti, in modo da assomigliare il più possibile fisicamente al personaggio da imitare. Talvolta capita che concorrenti uomini imitino cantanti donne e viceversa; più spesso, che concorrenti bianchi imitino cantanti neri (raramente il contrario, o forse mai, visto che non ho mai visto concorrenti di colore, almeno nelle puntate che ho beccato). Su questo ultimo punto si è accesa una piccola diatriba riguardo al cosiddetto blackface, ossia la vetusta pratica di cantanti e attori bianchi di dipingersi la faccia di nero e fare spettacolini di intrattenimento, in cui i caratteri stereotipati ed esagerati dei neri rendevano un effetto “comico”. Per averne un’idea – ma con questo non sto né condannando, né portando come esempio peggiore – si può prendere il primo film sonoro della storia, Il cantante di jazz (1927), con l’interpretazione di Al Jolson. La pratica del blackface, come spiegato in questo articolo su Bilbolbul, risale all’inizio del XIX secolo, è andata in declino tra le due guerre ed è praticamente scomparsa dopo gli anni Cinquanta (sostituita magari dalla pratica del yellowface, di cui l’esempio più noto è l’inquilino giapponese di Colazione da Tiffany, interpretato da Mickey Rooney). Senza scendere ulteriormente in dettagli, riporto lo scambio di idee con chi aveva riportato e sostenuto un post di Vice dal titolo “Il blackface non è mai accettabile” (ripetuto varie volte in maiuscolo, tanto per lasciar chiaro). Continua a leggere


Il simbolo della discordia

falcemartello a palate

Partecipa anche tu al concorso “Fonda un Partito Comunista”! Scegli almeno due termini che richiamino la passione rivoluzionaria e disegna una falcemartello originale, potrai vincere una delle centinaia di migliaia di schegge di elettorato esasperato in palio!

Ho ritrovato un vecchio dibattito politico, un confronto breve ma abbastanza serrato sul comunismo, che ebbi qualche anno fa con un interlocutore il quale, a fronte di un simbolo politico contenuto nell’immagine qui riportata (da me realizzata per questioni d’autoironia), espresse tutto il suo disappunto scandalizzato. Poteva essere un semplice litigio e, per poco, non lo è diventato; invece è rimasto un dibattito interessante e allora ho deciso di riportarlo qui, come già avevo fatto ne Il cartello della discordia. Può essere interessante, se non altro, dato il recente ennesimo tentativo, in sede europea, di equiparare nazismo e comunismo. Un argomento su cui consiglierei questo video.

Purtroppo qualcosa è andato perso, perché era un dibattito su una rete sociale e un paio di altri interlocutori hanno poi cancellato i loro profili, eliminando così i loro commenti (è rimasto solo l’ultimo, che chiude il resoconto). Lo stesso problema lo ho avuto con un altro paio di “litigate” con un fanatico religioso su evoluzionismo e creazionismo, che stavo pensando di riportare qui. Peccato. Continua a leggere


Il cartello della discordia

Un piccolo dibattito con alcune femministe

cartello femministaMi è capitato, poco tempo fa, di imbattermi in un cartello esposto durante una manifestazione femminista (che potete vedere qui accanto), recante la scritta “Come mai ogni donna conosce un’altra donna che è stata stuprata, ma nessun uomo conosce uno stupratore?“. Era stato pubblicato su un social network da una attivista mia amica; io ho trovato la provocazione piuttosto sciocca e, dato che anche altri uomini stavano intervenendo – con una certa veemenza – ho pensato di provare a dire la mia opinione contraria con un minimo di ragionamento (minimo minimo). Ne è seguito un piccolo dibattito, che dal cartello in questione si è allargato ad alcuni aspetti del femminismo attuale su cui, lo dico sinceramente, rimango alquanto perplesso.  In parte perché, pur non essendo un maschilista, ancora ritengo che tra uomini e donne intercorrano varie differenze, paritetiche senza dubbio, ma che ci rendono diversi anche a voler scombinare radicalmente ruoli e spazi sociali. In parte perché, come spiegherò, c’è secondo me un problema “epistemologico” negli studi di genere, o almeno nell’atteggiamento a questi correlato del femminismo militante, che inficia alcuni aspetti della lotta politica e rischia di aprire un vulnus piuttosto pericoloso.

La discussione è stata comunque costruttiva e mi ha dato da pensare. Dato che però, in un mio eventuale riassunto, il dibattito perderebbe la sua vivacità e che, in ogni caso, il mio punto di vista sarebbe dominante, come anche l’interpretazione delle parole altrui, ho deciso di recuperare i commenti sul social e di riportarli qui integralmente. Da notare che la discussione si è presto sdoppiata, procedendo in parallelo, a causa del commento di un’altra mia amica, pure femminista; quindi ho riportato le due conversazioni una dopo l’altra, anche se si sono svolte in contemporanea. I nomi, per ovvie ragioni, sono stati occultati.

In un prossimo articolo vorrei provare a mettere in ordine logico le mie varie considerazioni sorte da questa occasione, ancora in corso di evoluzione, non definitive, a proposito del femminismo e delle sue questioni epistemologiche. Non so quando ne avrò il tempo, ma sento di doverlo fare.

*

Resoconto pseudo-stenografico del dibattito

Sono intervenuti:

  • Me Medesimo (eggrazie);
  • Femminista Militante (che ha pubblicato la foto);
  • Amica Femminista (che ha iniziato la conversazione parallela);
  • Sociologa Impegnata (chiamata in causa per far breccia nella mia testa marmorea);
  • Uomo Veemente (riportato qui perché io ho preso le mosse dalla risposta al suo commento).

Continua a leggere


Slavoj Žižek and Jordan Peterson!

A dream comes true: Žižek and Peterson have finally debated. The two intellectuals are, respectively, the “gurus” of left-wing and right-wing movements around the world. Many people, since Peterson fame has rised, hoped for this debate (includin myself), asking in many occasions to Žižek to express some thoughts about the canadian psychologist’s points of view. I think they’re both very intelligent and witty persons, with a creative mind, and the debate should not be just a “counter attack” on each other, but a real intellectual confrontation from radically different visions and backgrounds, as many similarities too. I am much more on the Žižek side, but I like some of Peterson’s critics; they both make a clear point on the critical thinking, against ideologies and power systems, as also go in deep analisys of the human nature and culture. And they’re always deeply sincere in expressing themselves.

Enough, let’s go down to businness and enjoy this fulfilled dream.


Ingrao nel 1990

Pietro Ingrao (1915-2015) al XIX congresso del PCI, nel pieno del processo noto come “svolta della Bolognina“.

[appunto, una pagina dei necrologi; ma posso davvero lasciar correre?]

Aggiornamento: link al dialogo tra Ingrao e Bobbio sulle istituzioni, pubblicato nel 1986 su MicroMega.


I quaderni nazisti di Heidegger

L’uscita di questo articolo sta suscitando, tra gli studiosi di Heidegger, non poche perplessità. A me invece sta solo confermando quello di cui ero già convinto: che il caro Martin, per quanto a modo suo, avesse aderito in maniera del tutto convinta al regime nazista.

Heidegger è un pensatore ormai molto influente negli àmbiti accademici, tanto che non si può fare a meno di citarlo o di vederselo citare in risposta a interventi, articoli, saggi ecc.; quanto meno, non è possibile evitare di confrontarsi con il suo pensiero, o parte di esso, poiché le sue critiche esistenzialiste all’era moderna trovano vasta eco nei problemi peculiari della globalizzazione: dall’annullamento dell’individuo nei numeri statistici, alla soverchiante potenza della tecnica non solo in ambito pratico, ma soprattutto in ambito culturale ed etico. Io, a causa dell’antipatia che questo filosofo mi suscita, non ho mai approfondito granché il suo pensiero, e devo dire che spesso sento di dover colmare questa lacuna, per poter affrontare al meglio certi temi. Le critiche da lui portate alla modernità, certo valide e profonde, ma di stampo regressivo, vengono ormai preferite a quelle dei principali esponenti della Scuola di Francoforte (Adorno, Horkheimer, Marcuse ecc.), indebitamente ritenute “sorpassate” perché legate alla cultura marxista e all’epoca in cui furono sviluppate. Il problema è che l’epoca fu grosso modo la stessa di Heidegger, dagli anni Trenta ai Sessanta, con la visione di grandi contrapposizioni tra regimi totalitari e democrazie capitalistiche, la nascita e lo sviluppo sempre più veloce della società di massa e dei suoi elementi massificanti. La differenza, per quanto mi è dato comprendere al momento, sta nella diversa prospettiva intellettuale: esistenzialista nel caso di Heidegger, quindi concentrata sulla vita dell’uomo, sul suo esserci e sull’essere in generale; marxiana nel caso della Scuola, cioé non prettamente politica (ossia marxista), ma incentrata sull’analisi materialistica dei rapporti sociali, politici e culturali che condizionano gli individui, anche sul piano psicologico. Se la Scuola di Francoforte è perciò legata all’analisi di una configurazione sociale che oggi, per molti versi, è mutata, la critica heideggeriana assume una connotazione atemporale, valida al di là delle epoche contingenti, perché fa riferimento alla natura umana in modo “diretto”.

Cosa vuol dire tutto ciò? Che Heidegger, dapprima relegato ai margini del mondo accademico in quanto compromesso con il regime nazista, è diventato di fatto l’autore più studiato della filosofia contemporanea. Continua a leggere


Un bacio dalla Dialettica

La Dialettica hegeliana mi ha baciato perché ho compreso le ragioni degli avversari, un aspetto dialettico cui accennò anche Gramsci. Non posso dire di non averci mai provato, ma finora era più una disposizione diplomatica, non una presa di coscienza, non una sperimentazione in prima persona. Ho compreso a cosa si riferiscono coloro che avversano la filosofia, il suo sembrare campata in aria, il suo essere astratta, teorica e talvolta irrealistica.

Sarà che in questo periodo sono stranamente suscettibile e nervoso; sarà che se fossi meno dispersivo e confusionario, potrei definirmi eclettico; sarà che capisco di cosa parlano i giuristi, sarà chissà cos’altro, fattostà che ho partecipato a una riunione di universitari per discutere sui diritti umani con una professoressa di diritto esperta in materia e, per la prima volta in vita mia, ho disprezzato i filosofi per gli stessi motivi per cui vengono disprezzati dai giuristi.

Mi sfogo qui perché ormai partecipo così poco a cose del genere che ho perso la capacità di argomentare senza aver tempo di riflettere prima, sono unicamente ricettivo, assorbo e solo in seguito rielaboro, ma non posso rispondere perché è tutto già finito. In effetti dovrei ingoiare e zitto, sto scrivendo inutilmente. Ma tant’è, sopportatemi o chiudete subito la pagina… 😛

Continua a leggere