Archivi tag: chiesa

L’educazione atea nel Rapporto Ilitchev

rapporto ilitchev

Tempo fa, l’UAAR aveva pubblicato un articolo sul blog di MicroMega intitolato “Il Fatto separato dai fatti”, in cui si lamentava per le dabbenaggini scritte da uno dei collaboratori sul loro festival laico e umanistico, organizzato per la settimana successiva; in entrambi gli articoli si faceva riferimento a un certo “rapporto Ilitchev”, uscito in Unione Sovietica per dare un programma coerente alla diffusione dell’ateismo in seno al popolo. Io avevo già trovato, per puro caso e senza saperne nulla, il testo in una vecchia edizione su eBay, inserendolo nella lista dei desideri; dopo averlo visto citato negli articoli della discordia, mi sono deciso a comprarlo per capire cos’è esattamente.

Riferimento bibliografico: L’educazione atea. Rapporto Ilitchev alla Commissione Ideologica del P.C.U.S. Testo e commento, Edizione «Orientamenti sociali» ICAS, con premessa di M. Puccinelli e commento di V. Rovigatti, collana “Studi e documenti”, Roma 1964. [l’immagine qui sopra è un particolare della copertina]

 

Che cos’è il Rapporto Ilitchev

IlicioffTrovare notizie in merito è stato davvero poco semplice, per la scarsità di fonti (e di interesse) sul tema; alcune cose lo ho tradotte con Google Translator da pagine russe. Il Rapporto Ilitchev alla Commissione ideologica del PCUS, presentato come «Attività per rafforzare l’educazione ateistica della popolazione» nella riunione a Mosca del 25 novembre 1963, fu pubblicato nel gennaio seguente e ripreso dalla stampa internazionale con un certo clamore, soprattutto dalle associazioni cattoliche. Fu redatto da Leonid Fëdorovič Il’ičëv (pron. “ilicioff“), giornalista, ideologo e scrittore, che tra il 1961 e il 1965 fu Presidente della Commissione ideologica e Segretario del Comitato centrale (una carica assunta assieme ad altri membri nel periodo di gestione collegiale del potere).

Questo scritto apparve al culmine di una vasta campagna antireligiosa promossa da Krusciov tra il 1958 e il 1964; tratta fondamentalmente dell’estensione di un’educazione ateistica a ogni livello della società sovietica, non solo a scuola, partendo dalla premessa dell’insufficienza della propaganda contro i culti e le sette religiose adottata in URSS fino a quel momento. In Italia, la prima edizione fu curata da una rivista cattolica che accompagnò la traduzione dal francese del testo con un commento fortemente polemico sui pericoli dell’azione comunista attraverso il PCI, considerato mera estensione del PCUS. La paura di fondo era di una inedita campagna per l’ateismo in Italia, condotta attraverso l’insegnamento scolastico improntato al materialismo scientifico e alla propaganda ideologica su tutti i fronti.

Il Rapporto è un testo piuttosto interessante, sia come un documento storico sulla politica culturale e la cultura politicizzata sovietiche, sia in merito alla relazione tra educazione e principi religiosi o ideologici. Dal punto di vista storico, questo Rapporto segna il momento culminante della repressione dei credenti in Unione Sovietica, dopo alcuni anni di relativa libertà, nel dopoguerra, che avevano spinto a un graduale ritorno della Chiesa sulla scena sociale. La necessità di mantenere alto l’impegno ideologico dei cittadini, soprattutto grazie ai successi del regime in campo scientifico, giustificava il rafforzamento dell’educazione nei termini di una profonda estensione del concetto scientifico del mondo nella cultura del popolo. Ciò si accompagnava, naturalmente, a forme di repressione e propaganda tipiche del regime, sempre più dure e persino violente. Continua a leggere

Annunci

Stare in chiesa e pensare di salvarsi

The_Cathedral

In queste ultime settimane sono tornato in chiesa dopo decenni. Non per mio desiderio, ma per fare compagnia ad alcune persone con le quali, dopo la funzione, vado a pranzo. Ieri è stata la terza domenica passata a sentire i canti, le preghiere e le omelie, guardando tutte quelle persone così partecipi e speranzose invocare Dio e la sua gloria. Questo mi ha fatto riflettere di nuovo su alcuni aspetti della religione e della spiritualità su cui non mi soffermavo da tempo.

Continua a leggere


Tutto Ratzinger

*

Fletto le ginocchia e sono in preghiera!

Sgambetto del Papa

uèp! Sua santità! Ma che mi combina?! Io stavo per rispolverare un vecchio articolo su di lei, tanto per fare un po’ l’anticlericale, e lei si dimette? Adesso non ne varrà più la pena. Anzi, questa sua decisione, da un certo punto di vista, le fa onore. Parliamo allora un po’ della sua scelta, o meglio della sua bomba, dell’altro ieri (sono due giorni che provo a scrivere questo articolo).

Da quanto ho letto in giro, sono passati diversi secoli dall’ultima volta che un suo predecessore ha deciso di abdicare (e non di dimettersi, in quanto lei, sebbene eletto, è pur sempre l’ultimo monarca assoluto d’Europa); non so cosa diranno i vaticanisti – a proposito, mi lasci esprimere rammarico per il fatto che il mio preferito, Giancarlo Zizola, non sia più qui a poterne scrivere – ma capisco quale novità e notizia sia questa. Continua a leggere