Archivi tag: calendario

Poveri Maya…

640px-bonampak2c_chiapas-_13

Voi lo sapete, sì, che i Maya non hanno mai profetizzato la fine del mondo? Non hanno mai detto che il mondo finirà il 21/12/2012, quella è semplicemente la data di termine di una parte del loro calendario, il passaggio a una successiva era del mondo, un po’ come una versione mitica del nostro passaggio di millennio. E’ ridondante, magari, provare a far critica sull’ultimo giorno del mondo, dato che è lapalissiano non sia l’ultimo; però tutto questo straparlare deriva da un’interpretazione priva di giustificazioni e se ne dà la responsabilità ai Maya anziché ai veri autori.

Estratti dalla relativa pagina Wikipedia:

Il calendario maya è il calendario che veniva utilizzato dai Maya e da altri popoli dell’America centrale (Aztechi e Toltechi). Si tratta di un calendario molto elaborato, basato su più cicli di durata diversa:

il ciclo Tzolkin aveva una durata di 260 giorni.
il ciclo Haab aveva una durata di 360 giorni, più i “cinque giorni fuori dal tempo”.
il Lungo computo indicava il numero di giorni dall’inizio dell’era maya.

Ad esempio, la data del 5 luglio 2006, espressa nel calendario maya, è: 9 Caunac (Tzolkin), 12 Tzec (Haab), 12.19.13.7.19 (Lungo computo).

Secondo i Maya, ciascun ciclo del Lungo computo corrisponde ad un’era del mondo; il passaggio da un’era all’altra è segnata dunque da un cambiamento positivo preceduto da eventi più o meno significativi. Il ciclo attualmente in corso, che secondo la mitologia maya è il quarto, è iniziato il 11 agosto 3113 a.C. ed è molto vicino al termine: il nuovo ciclo inizierà il 21 dicembre 2012.

Il Lungo computo dei calendari mesoamericani è alla base di una credenza New Age, prevista per la prima volta da José Argüelles, che un cataclisma avverrà il giorno 21 dicembre 2012 o in vicinanza ad esso, una previsione considerata sbagliata dalla corrente principale degli studiosi degli antichi Maya, eppure è comunemente citata nei mezzi di comunicazione di cultura popolare come il problema del 2012.

“Per gli antichi Maya, si doveva tenere un’enorme celebrazione alla fine di un intero ciclo” dice Sandra Noble, la executive director della Foundation for the Advancement of Mesoamerican Studies, Inc. a Crystal River in Florida. “Rendere il 21 dicembre 2012 come un Giorno del giudizio o un momento di cambiamento cosmico” dice “è una completa invenzione e una possibilità per molte persone di fare profitto”

Annunci