Archivi tag: bertinotti

Anacronismo nei giudizi (un abbozzo)

Il monumento a Indro Montanelli è stato imbrattato, qualche giorno fa, da alcune attiviste che non accettano l’omaggio a un uomo il quale, da giovane fascista colonialista (24 anni aveva), andò in Etiopia e lì si comprò una moglie dodicenne. Sul momento ho pensato a un giudizio anacronistico, perché per quanto riprovevole sia l’episodio, lo si sta giudicando con gli occhi di oggi, con la mentalità e la cultura di oggi, che si è affermata e rafforzata dopo la fine del fascismo e del colonialismo, grazie a una guerra spaventosa (lasciamo da parte i rigurgiti neofascisti/leghisti degli ultimi tempi e prendiamo il meglio della nostra civiltà).

Certo, quando mi capitò anni fa di sentir parlare Montanelli da Bisiach [qui un video parziale dell’intervista, non ne ho trovato uno integrale] di questa sua sposa bambina, Destà, mi fece ribrezzo, senza alcuna giustificazione. Eppure qualcosa mi pareva “corretta” nella posizione di Montanelli, perché nel dire che le ragazzine africane “a quell’età sono già donne”, stava sottolineando una diversità culturale, per me inaccettabile, ma pur sempre reale (che poi lui ne abbia approfittato venendo da un’altra cultura, razzista sì, ma che già distingueva tra adolescenza ed età adulta, è altra storia).

Poi ho letto questo articolo: “Teniamola, la statua di Montanelli, ma con la vernice rosa”, di G. Marchetta, e mi sono sorte spontanee alcune considerazioni. Continua a leggere

Annunci

Aforismi a buon mercato, vol. 6

Aforismi 38 – 50

Sommario

  • Giudizio di Putnam sull’ateismo di Feuerbach
  • L’imbecille filosofico
  • Una profezia facile e terribile
  • Lo dicevo nel 2010 e lo ribadisco
  • Big Data et similia
  • Diceva Deng Xiaoping
  • Un buddha sardonico
  • Il destino dell’umanità
  • Sullo spauracchio delle menti limitate
  • Indipendenti di parte
  • Rientravo a malincuore
  • Pensare intorno al burkini
  • Fantasia

Continua a leggere


L’essenza della satira

E’ la capacità di smascherare e rivelare, attraverso l’uso sagace e intelligente dell’umorismo e della beffa, la realtà che pretende di autodefinirsi al di là di ogni critica. Ma molto meglio lo fa capire questo sketch di Corrado Guzzanti su Bertinotti e la sinistra massimalista dopo la scomparsa dal Parlamento alle elezioni del 2008. Un genio.