God is dead.

 

DSC_0212

Dio è morto!
– Nietzsche

Fratelli e sorelle del rock, è un triste giorno. Lemmy Kilmister, fondatore dei Motorhead, cantante e bassista, icona del rock duro e di una vita di eccessi che incredibilmente non ti ammazza prima dei trenta nonostante tutto, è morto. Giusto pochi giorni fa avevamo festeggiato i suoi 70 anni. Per me è stato importantissimo, il mito musicale per eccellenza, più di tutti gli altri. Con lui oggi muoiono anche i Motorhead e si chiudono quarant’anni di storia del rock, quel “heavy rock” tipico della band di Lemmy che riuniva heavy metal, punk e hard rock. Mi piaceva così tanto che ho tutti i dischi su cui sono riuscito a mettere le mani nel corso degli anni, e pure diversi dvd e libri. Voglio ricordare Lemmy non con la classicissima “Ace of Spades”, inno dei Motorhead, bensì con la canzone che più di tutte esprime lo spirito di Lemmy, in tutti i sensi, specie nell’ironia che, da buon inglese, non gli mancava di certo. Riposa in pace.

Brothers and sisters of rock’n’roll, it is a sad day. Lemmy Kilmister, founder of Motorhead, singer and bass player, icon of hard rock and of a kind of extreme lifestyle that incredibly doesn’t kill you before 30, is dead. Just a few days ago, we celebrated his 70 birthday. To me, he was over the top, the greatest myth in music, more than everyone else. With him, today Motorhead dies too. A forty-years rock history, ends. I deeply loved that “heavy rock”, mixing heavy metal, punk and hard rock, so typical of Motorhead. I got all the albums, dvd’s and even books I could get over the years.

I want to remember Lemmy not with the classical Ace of Spades, Motorhead’s hymn, but with a song that best represents the spirit of Lemmy, in every sense, especially irony, that, as a good english man, he had. Rest In Peace.

If you squeeze my lizard
I’ll put my snake on you
I’m a romantic adventure
And I’m a reptile too

But it don’t make no difference
‘cos I ain’t gonna be, easy, easy
the only time I’m gonna be easy’s when I’m
Killed by death

I’m a lone wolf ligger
But I ain’t no pretty boy
I’m a backbone shiver
and I’m a bundle of joy

But it don’t make no difference
‘cos I ain’t gonna be, easy, easy
the only time I’m gonna be easy’s when I’m
Killed by death

Articoli sulla morte di Lemmy

BlabberMouth: MOTÖRHEAD’s LEMMY Dead At 70

la Repubblica: È morto Lemmy Kilmister dei Motorhead. “La band è finita”, annuncia il batterista

Spin: Motörhead’s Lemmy Dead at Age 70

Rolling Stone Italia: È scomparso Lemmy Kilmister, leader dei Motörhead

Internazionale: È morto Lemmy Kilmister, leader del gruppo rock Motörhead

Altri articoli

L’ultimo concerto (da Ultimate Classic Rock)

L’ultima intervista (da Rockol)

Il suo posto riservato a vita al Rainbow Bar & Grill (da 9gag)

30 momenti storici di Lemmy (da Ultimate Classic Rock)

“I don’t drink milk” (tribute of Valio Milk from Finland)

Aggiornamento

Lemmy Kilmister Memorial Service (veglia funebre del 9 gennaio 2016)

 

Informazioni su GoatWolf

Sono alquanto riservato sulla mia vita, perché spesso le persone si lasciano influenzare da pregiudizi più o meno inconsapevoli sulla provenienza, l'età o il lavoro di qualcuno. Basta sapere che cerco di mantenere la mente aperta, mi piace il pensiero critico, detesto l'ignoranza arrogante e scrivo solo per passatempo, sulla filosofia, la storia, la politica, la musica, il cinema e i viaggi. Vedi tutti gli articoli di GoatWolf

One response to “God is dead.

  • I miei dischi dei Motörhead, pt. 1 | Fabbrica Metropolitana

    […] Insieme a Robbo se ne va anche Philty Animal;  sostituiti alla batteria da Pete Gill (dei Saxon) e alla chitarra da due pretendenti arrivati “a pari merito” nelle audizioni, Phil Campbell e Michael “Würzel” Burston, i Motörhead si prendono un momento di pausa per ricalibrarsi. A questo periodo non proprio facile appartiene la prima raccolta ufficiale, dall’emblematico titolo No Remorse: oltre a successi ben noti, la raccolta propone varie b-side come Too Late, Too Late e la cover Louie, Louie; canzoni dall’EP St. Valentine’s Day Massacre assieme alle Girlschool, Please Don’t Touch e Emergency; inediti quali Snaggletooth e, soprattutto, la famosa Killed By Death, che oltre ad avere un video strepitoso è stata sempre presentata in versione live (io l’ho scelta per commemorare la morte di Lemmy). […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: