Evil Dead – storia di una saga

Evil Dead

Ecco qui una saga particolarmente fortunata, bella in ogni suo capitolo. Saga che io ho visto “a ritroso”, partendo dall’ultimo fino al primo. Bruce Campbell, protagonista della trilogia nei panni di Ash, è ormai diventato un mito. Sam Raimi ormai lo conoscono tutti come il regista della prima trilogia di Spider-Man e di serie tv di successo negli anni novanta, Hercules e Xena: principessa guerriera. La saga di Evil Dead presenta un tipo di male invincibile, inestinguibile, destinato a risvegliarsi sempre, eppure immotivato, quasi naturale, privo di complessità. Se non fosse per gli elementi di commedia, sarebbe una saga lovecraftiana, dato anche il riferimento principale: tutto ruota attorno al libro maledetto per eccellenza, il Necronomicon, “rilegato in pelle umana e scritto con il sangue, contenente antiche formule per il risveglio di forze arcane che dimorano negli infimi recessi della natura umana” (sebbene sia opportuno sottolineare che nei film si chiama Necronomicon Ex-Mortis e ha una storia diversa).

Il titolo scelto in Italia, La Casa, provocherà molti fraintendimenti dopo i primi due film, in quanto a partire da La Casa 3 verranno inclusi nella serie una miriade di altri film che non avranno praticamente nulla a che fare con i primi due di Raimi (oltre, beh, all’ambientazione all’interno di case). Il vero terzo ed ultimo capitolo è L’Armata delle Tenebre, sempre e solo di Raimi. Stop.

Evil Dead (1981)

Trama – Un gruppetto di amici, due ragazzi e tre ragazze, si recano in uno sperduto chalet di montagna per un finesettimana di relax e divertimento. Giunti sul posto in un’atmosfera inquietante, esplorano chalet e dintorni per farsi un’idea del luogo; nella cantina i due ragazzi trovano un libro dall’aria più che vetusta, con un’orribile copertina, e un registratore con un nastro. Durante la cena ascoltano il nastro, su cui è incisa la voce di un uomo che dice d’essere un professore di archeologia il quale ha tradotto alcuni passi del libro, il Necronomicon Ex-Mortis. Le pronunce fonetiche dei simboli contenuti nel libro riecheggiano nel bosco circostante, ma quando i ragazzi spengono il registratore è ormai troppo tardi: i demoni sono stati evocati e per il gruppo si preannuncia una notte d’orrore.

Sinossi – Che dire? Questo film è davvero uno di quelli tosti. Raimi lo girò dopo il gran successo ottenuto da un suo cortometraggio proiettato prima di alcuni film importanti nei cinema della sua città, dal titolo Within the woods, dove una coppietta va a fare un pic-nic in un bosco e il fidanzato si trasforma in un mostro, facendo polpette della fidanzata. In questo lungometraggio il senso di terrore è accentuato, come per molti film del periodo, dalla malsana atmosfera ricreata con un budget minimo, ma anche e soprattutto dalla trasparente volontà di scioccare il pubblico: niente battutine e situazioni comiche, qui la tensione c’è ed è pure spessa come un muro, i ragazzi indemoniati assumono un aspetto impressionante e si comportano di conseguenza, il pericolo dietro l’angolo è sviluppato all’ennesima potenza e la presenza dei demoni è tangibile anche nel bosco circostante, dove una ragazza subirà violenza dagli alberi. E’ un film duro che, se scade un po’ nel finale a causa di effetti speciali troppo “finti” per essere credibili, possiede un perfetto mix di gore e terrore. La cosa che ho sempre apprezzato di più sono le inquadrature storte, angolari, di sbieco: mi danno l’idea che qualcosa stia osservando i personaggi stando aggrappata al muro o accucciata in un angolo. Questo film riesce a far paura.

Piccola chicca: nella scena iniziale i giovani superano con la macchina due persone, che le salutano con un’aria un po’ scema; sono il regista Sam Raimi e se non erro il suo amico produttore, che danno simbolicamente l’addio ai loro attori destinati al massacro.

Evil Dead 2: Dead by Dawn (1987)

Trama – Una coppietta arriva in un cottage di montagna, scopre un registratore con la lettura dei passi del Necronomicon incisa su nastro da parte di un professore che ne stava facendo la traduzione e, una volta acceso, i demoni vengono evocati nel bosco circostante, assaltano la casa e uccidono la ragazza. Il ragazzo, Ash, passa una notte di orrori. Poco dopo arriva al cottage la figlia del professore per aiutarlo nella traduzione, accompagnata da un collega e una coppia di buzzurri locali; trova Ash in stato confusionale e poco dopo i demoni tornano all’assalto uccidendo uno dopo l’altro i nuovi arrivati. Alla fine, mentre il bosco si ripiega sul cottage, un incantesimo contenuto nel Necronomicon apre un varco temporale che rispedisce i demoni, e lo sventurato Ash, nel Medioevo.

Sinossi – Questo secondo capitolo è molto gustoso. Leggermente meno orrorifico del primo, spinge più sullo humor. Vanta effetti speciali di gran lunga superiori e il finale apre la strada per uno dei film più divertenti che abbia mai visto. La trama non si riaggancia al precedente film, ma ne riassume lo svolgimento nella primissima parte, quindi questo è un “seguito/remake“. Io lo trovo godibilissimo e, appunto, a metà tra l’horror del primo e la commedia del terzo. Ciò non toglie, comunque, che possa essere impressionante in certe sequenze: la danza del cadavere della ragazza è grottesca e inquietante. In generale ha un buon equilibrio e non dovrebbe mai mancare in una collezione horror che si rispetti.

Army of Darkness (1993)

Trama – Ash è stato catapultato in pieno Medioevo dall’incantesimo che ha sconfitto (apparentemente) i demoni alla fine del capitolo precedente. Dopo essere stato quasi linciato dalla popolazione di una città fortificata, riesce a farsi accettare come possibile eroe contro il Male che infesta la zona. Per poter tornare nel suo tempo (e contribuire a fermare il Male) deve ritrovare il Necronomicon Ex-Mortis e pronunciare un nuovo incantesimo; ma, per la sua inettitudine, nell’impresa risveglierà un’armata di morti viventi decisi a tutto pur di avere il libro maledetto. Lo scopo, come è facilmente intuibile, è di precipitare il mondo nelle tenebre, sotto la guida di un gemello malvagio del protagonista. Ash però combatterà orde di scheletri polverosi e indemoniati con l’astuzia e l’intelligenza di uno spaccone del XX secolo!

Sinossi – Straordinario film d’avventura, con una forte dose di humor e quel tocco horror che non poteva mancare, sebbene rivisitato in chiave fantasy. Questo terzo capitolo è ricco di chicche indimenticabili e citazioni cinematografiche, prima fra tutte la frase “KLAATU BARADA NIKTO”, da pronunciarsi in modo assolutamente corretto prima di rimuovere il Necronomicon dalla sua sede: essa è tratta da un vecchio film di fantascienza, Ultimatum alla Terra (sì, proprio quello di cui hanno fatto il remake con Keanu Reeves), in cui era la frase di sicurezza che fermava il robot alieno prima che distruggesse il pianeta. Molto lontano dall’orrore dei primi due, è perfettamente godibile a sé stante e può davvero rallegrare una serata monotona, anche in famiglia; gira voce di un eventuale seguito. Esiste un finale alternativo, quello originale, che fu poi cambiato con quello attuale, che è disponibile sul DVD edito dalla Storm.

Informazioni su GoatWolf

Sono alquanto riservato sulla mia vita, perché spesso le persone si lasciano influenzare da pregiudizi più o meno inconsapevoli sulla provenienza, l'età o il lavoro di qualcuno. Basta sapere che cerco di mantenere la mente aperta, mi piace il pensiero critico, detesto l'ignoranza arrogante e scrivo solo per passatempo, sulla filosofia, la storia, la politica, la musica, il cinema e i viaggi. Vedi tutti gli articoli di GoatWolf

One response to “Evil Dead – storia di una saga

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: