Rollins Band – “Illumination”

Henry Rollins è un personaggio interessante. Musicista e scrittore, ha intrapreso una carriera di tutto rispetto: cantante dello storico gruppo punk americano Black Flag, dopo il loro scioglimento realizza Hot Animal Machine, suo primo lavoro da solista, che è un uragano di rabbia, disillusione e violenza (esempio: There’s A Man Outside). In seguito forma la Rollins Band e inizia a sperimentare in vari sensi, sfumando i suoi demoni in produzioni più raffinate, ma sempre molto energiche (per esempio in Liar e Disconnect). A questo ha aggiunto una passione per i monologhi, o spoken-word, al contempo seri e umoristici, spesso incentrati su questioni sociali, con cui ha raggiunto la popolarità. Ha anche fatto alcune comparse in TV e al cinema. La sua presenza scenica è impressionante: muscoloso e tatuato, salta e urla come un folle (vedi Get Some Go Again); eppure quando parla sembra un’altra persona, pacato, buffo e ironico, ma mai ridicolo (come qui e qui).

Nonostante abbia selezionato qui sopra varie canzoni, ho scelto di proporre Illumination perché è una canzone che crea una potente visione, uno scenario perfettamente integrato nelle immagini del video (uno dei rari a essere in relazione con la canzone che pubblicizzano). Parla del viaggio verso l’illuminazione, di cosa si deve sopportare finché non si raggiunge questo obiettivo, così grande da rischiare di esserne distrutti. Dopo, tutto quanto cambia per sempre e quasi si preferirebbe poter tornare indietro, “non sapere ciò che so ora”. Mi ha colpito, mi ha coinvolto, perché ci rivedo parecchie cose di me, il desiderio di ricercare, di scoprire, e la paura di trovare ciò che cerco.

I walked green miles of jungle
I walked through yellow miles of pain
I crossed starvation’s desert
Watched dead rivers swell with rain

The song of insects filled the air
Nights in cites of despair
Where killer’s sons said, son beware
And all the roads from here to there

I sailed the sea of desolation
Dropped my anchor there
Plumbed the depths of isolation
Walked its length and was not scared
Went from end to end to end
And then from there I went again
The road that only this one knows
Off to nowhere here I go

Illumination comes so hard
Makes me see but it leaves its scars
At times I wish that I didn’t know what I know now

Thought and thought until I lost my mind
Looked and looked until I went near blind
The path is fair but so unkind
Illumination

At night the highway’s diesel roar
Speaks to me and tells me more
Than any book I’ve ever read
Or anything you ever said
With silent eyes inside
I watch myself and worlds collide
The seasons burn and crack my skin
I stay outside and live within

Illumination comes so hard
Makes me see but it leaves its scars
At times I wish that I didn’t know what I know now

Thought and thought until I lost my mind
Looked and looked until I went near blind
The path is fair but so unkind
Illumination

Informazioni su GoatWolf

Sono alquanto riservato sulla mia vita, perché spesso le persone si lasciano influenzare da pregiudizi più o meno inconsapevoli sulla provenienza, l'età o il lavoro di qualcuno. Basta sapere che cerco di mantenere la mente aperta, mi piace il pensiero critico, detesto l'ignoranza arrogante e scrivo solo per passatempo, sulla filosofia, la storia, la politica, la musica, il cinema e i viaggi. Vedi tutti gli articoli di GoatWolf

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: